Formula 1

Mercedes-Red Bull, ancora litigi. Piloti e genitori si dimostrano più maturi

Una Guerra Fredda che continua quella animata dal duo Mercedes-Red Bull. Una battaglia, intrisa di polemiche e veleni, che non riesce a smorzare i malumori accusati nel finale del Gran Premio di Abu Dhabi. In questo clima teso ed estremamente ridondante, i piloti (Max Verstappen e Lewis Hamilton) ed i rispettivi genitori si sono resi protagonisti di un disgelo che dovrebbe essere supportato dai rispettivi team.

Mercedes-Red Bull, veleni su veleni. Piloti e genitori smorzano la Guerra Fredda

In un’intervista allo sponsor CarNext, il campione del mondo di Formula Uno Max Verstappen ha rivelato le parole di Lewis Hamilton a fine Gran Premio di Abu Dhabi:

“Io e il team eravamo impazziti. Ma ovviamente c’è il rovescio della medaglia, la Mercedes era davvero delusa e arrabbiata. Penso che sia stato carino vedere Lewis dirigersi immediatamente verso di me e dirmi: ‘Ben fatto, congratulazioni’. E io gli ho risposto: ‘Grazie davvero per questa fantastica stagione’. Alla fine penso che sia stato un campionato entusiasmante, indipendentemente da chi si fosse classificato primo o secondo. Ci siamo spinti a vicenda ogni singolo giro, sempre più al limite, e abbiamo trascinato le nostre macchine e i nostri team. È stata una grande rivalità

Ecco cosa ha detto, invece, Jos Verstappen del colloquio avuto con il padre di Lewis Hamilton:

“Quando mi sono seduto davanti a Max prima di salire sul podio, c’era Anthony. Si è congratulato con noi, è stato bello. E anche durante la stagione ho parlato alcune volte con lui su WhatsApp, è stato davvero piacevole. Loro hanno già vinto sette titoli ed è un po’ diverso quando si vince il primo. Ho lasciato i box, non volevo le telecamere in faccia per tutto il tempo. Raymond (il manager di Max, ndr) è venuto da me a venti giri dalla fine. Poi c’è stato l’incidente di Latifi a cinque giri dalla fine. Stavamo sperando, poi saltando, eravamo felici. Non posso spiegarlo, è stato molto emozionante. Non mi aspettavo il sorpasso in Curva 5, dato che c’erano due lunghi rettilinei successivi. Piangevo, ero emozionato, nervoso, tutto insieme”.

Seguici su Metropolitan Magazine

(Credit foto – pagina Twitter El Chiringuito TV)

Back to top button