Motomondiale

Miguel Oliveira: “Non so quando, ma sarò campione in MotoGP”

Voglia di stupire e consapevolezza dei propri mezzi. Miguel Oliveira è pronto per stupire: dopo essersi lasciato non semplicemente dalla KTM, il motociclista si è accordato con RNF Team che dal prossimo anno sarà la seconda squadra della nuova flotta di Aprilia. Il portoghese ha rivolto il suo sguardo verso l’orizzonte pesando al futuro imminente: il lusitano ha affermato, infatti, di essere convinto di poter diventare campione del mondo della MotoGP nel corso della sua carriera.

Le dichiarazioni di Miguel Oliveira

Miguel Oliveira: "Non so quando, ma sarò campione in MotoGP"
(Credit foto Gold and Goose)

Ecco cosa ha detto Miguel Oliveira ai microfoni di Antena 1, emittente portoghese che ha intervistato ultimamente il nuovo pilota del team satellite di Aprilia:

Non direi che KTM si sia comportata male con me, assolutamente. Semplicemente avevamo dei modi diversi di vedere le cose. La riorganizzazione del team è arrivata dalla volontà di avere un pilota diverso da me. Queste divergenze ci hanno allontanati in maniera naturale e non avevamo un futuro insieme. Non è che la porta non fosse aperta, perché volevano che restassi in GasGas, che di base è una KTM colorata di rosso. La loro idea era quella di recuperare la marca GasGas e avere una doppietta di piloti iberici, perché è una struttura iberica. Volevano un pilota spagnolo e uno portoghese, ma a me questa idea non piaceva molto. Sinceramente, credo che ci siano momenti nella vita in cui si ha bisogno di un cambio. Ci sono treni che passano una volta sola, bisogna cogliere le opportunità. Mi faceva molto piacere fare questo cambio e uscire dalla mia comfort zone. KTM mi ha dato molto comfort nella mia carriera. Avevo garantiti i prossimi quattro anni della mia vita. Ma in fondo sapevo che questo non era ciò che volevo. Voglio sperimentare nuove opportunità ed essere davvero campione del mondo, è qualcosa che succederà presto. Mondiale? Prima o poi lo vincerò: è solo questione di tempo“.

(Credit foto Gold and Goose)

Seguici su Google News

Back to top button