Milan-Inter: i campioni passano, ma il derby è per sempre

Sabato sera Milan e Inter torneranno nuovamente a sfidarsi nel derby stracittadino, tra i vecchi ricordi e le nuove speranze dei tifosi meneghini

Un derby di classe

milan-inter
L’eterna rivalità tra la Curva del Milan e quella dell’Inter (fonte foto: mediagol.com)

Milan-Inter, un binomio ormai entrato di diritto nella storia di tutti i derby, e come molte rivalità, l’eterno dualismo non poteva che avere delle origini particolari. Entrambe sono nate tra la fine del XXIX secolo (1899 i rossoneri) e l’inizio del nuovo millennio (1908 i nerazzurri), ma il vero scontro si ebbe qualche decennio dopo, come riflesso di una divisione di stampo sociale che vedeva la classe borghese tifare per l’Inter e la classe operaia per il Milan.

Da qui nacquero i primi sfottò tra le due tifoserie: i tifosi nerazzurri chiamavano casciavìt (cacciaviti) quelli rossoneri, richiamando l’attrezzo dell’operaio, mentre i tifosi rossoneri apostrofavano i cugini nerazzurri con il termine bauscia (sbruffone in dialetto).

Nella seconda metà del secolo grazie alle riforme attuate dal governo per ripristinare l’equilibrio economico tra Nord e Sud, questo dualismo di stampo classista per fortuna si spense, ma diede vita ad una rivalità sportiva che entrò con prepotenza nel mondo del calcio, per rimanerci fino alla fine dei tempi.

Milan-Inter: viva gli anni ’80

milan-inter
I fratelli Baresi in uno storico derby del 1980 (fonte foto: Wikipedia)

Ce ne sarebbero oltre 200 da ricordare, ma in questi casi abbaimo deciso di scegliere solo alcuni derby importanti per storia e contenuti. Negli ultimi anni la rivalità è tornata ad essere vissuta, ma negli anni 80 penso che la sola parola “derby” infiammasse l’anima di entrambe le fazioni.

Un po’ come l’indelebile rimonta del 1984, quando Di Bartolomei pareggiò lo svantaggio iniziale di Altobelli. Hateley poi nella ripresa firmerà il secondo gol staccando come un’aquila sulla capoccia del traditore Collovati, rimasto completamente sovrastato dal giocatore rossonero, tanto da essere poi raffigurato in una famosa coreografia.

O come un’altra storica vittoria rossonera nel ’88, negli anni che avrebbero poi proiettato il Milan alla conquista dell’Europa nel biennio a venire, in quel Milan dei fenomeni olandesi e di Mister Sacchi. In quel 24 aprile dove i rossoneri speravanio ancora di poter rimontare sulla capolista Napoli, nel giro di 10 minuti il solito Gullit e Paolo “metallizzato” Virdis misero le ciliegine ad uno dei derby più entusiasmanti e belli che le due tifoserie potessero ammirare.

Milan-Inter: gli anni ’90

milan-inter
I due mostri sacri Gullit e Beppe Bergomi, grandi protagonisti nei derby anni 90 (fonte foto: Sportmediaset)

Negli anni ’90 lo show ha proseguito, con nuove emozioni, nuovi protagonisti, ma soprattutto uomini che per sempre rimarranno nella storia di questa categoria. Uno su tutti, Aldo Serena, protagonista nel clamoroso 1-3 del 1989 con una doppietta; un’egemonia quella nerazzurra che si prolungherà dal gol di Branca del ’96 fino allo 0-1 del 2002, dove il pubblico interista assistette al primo gol di Bobo Vieri in campionato contro i rossoneri del 2002.

Nel mezzo però difficile non citare il tondo 5-0 inflitto proprio dai rossoneri ai nerazzurri in quel 8 gennaio ’98, tra i più clamorosi derby della storia di Milano ( nel 2001 i rossoneri replicheranno con un tennistico 0-6).

Seguici su:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter ufficiale Metropolitan Magazine Italia

© RIPRODUZIONE RISERVATA