Esteri

Missile ipersonico: al via nuovo test della Corea del Nord

Missile ipersonico: nuovo test per la Corea del Nord. Il 5 gennaio Pyongyang ha confermato ciò che è stato denunciato da Seul. La Corea ha effettuato un test su un nuovo missile sotto la supervisione di Kim Jong Un in persona. Preoccupazione di tutta l’Unione Europea che ritiene questo fatto una minaccia per la pace.

Missile ipersonico: nuovo test

Secondo i media nordcoreani questo è il terzo test effettuato. Il nuovo missile trasportava una testata planante ipersonica ed è andato a colpire un bersaglio in mare a 1000 km di distanza. Il successo del test è avvenuto sotto la supervisione del leader della Corea del Nord Kim Jong Un.

Le foto scattate all’alba dall’agenzia dei Partito dei Lavoratori mostrano il Presidente che fissa gli uomini in divisa durante il lancio. La corsa agli armamenti e le nuove sperimentazioni del paese nordcoreano non sembrano avere limiti.

Missile ipersonico: i progressi della Corea del Nord sugli armamenti

Gli apparati della difesa del Governo coreano hanno sottolineato come il nuovo missile abbia raggiunto velocità ipersoniche andando ad accrescere i successi di questi apparati militari. I missili ipersonici possono raggiungere una velocità cinque volte superiore a quella del suono.

Sono molto più veloci e manovrabili dei missili standard e, grazie a questo, sono difficilmente intercettabili dai sistemi di difesa. Ne sanno qualcosa gli Stati Uniti che, su questo aspetto, investono gran parte del loro capitale militare.

Da quanto Kim Jong Un è salito al potere, dieci anni fa, la Corea del Nord ha fatto notevoli progressi per quanto riguarda lo sviluppo della tecnologia militare e i missili ipersonici sono una della priorità del Governo.

Missile ipersonico: la preoccupazione dell’Europa

L’Unione Europea ha condannato gli esperimenti missilistici nordcoreani definendoli, senza mezzi termini, una minaccia per la pace e la sicurezza e che vanno a minare il dialogo fra le forze internazionali.

I colloqui tra Pyongyang e gli Stati Uniti sono ancora a un punto morto dopo i fallimenti di quelli avvenuti nel 2019. Biden, il nuovo Presidente Usa, ha sempre dimostrato disponibilità a incontrare i rappresentanti della Corea del Nord. Posta in gioco: la corsa agli armamenti.

Si è sempre scontrato, però, con l’ostilità del Governo di Kim Jong Un a collaborare per la costruzione di un dialogo.

La Corea del Nord è a rischio sanzioni oltre a diverse problematiche che deve affrontare. La sua economia è, infatti, in seria difficoltà a causa delle chiusure per motivi di emergenza sanitaria legate alla pandemia da Covid.

Back to top button