Dopo circa 23 anni, Tigri & Eufrate, continua ad essere uno dei titoli più giocati e ricercati.
Ripercorriamo insieme i motivi che lo hanno reso un titolo cardine per i boardgamers.

Tigri & Eufrate – Definito da molti come uno dei primi capolavori di Reiner Knizia, stiamo parlando di un classico piazzamento tessere per 2-4 giocatori della durata stimata di 90 minuti.Il gioco ci porta nell’antica Mesopotamia, nella culla della civiltà, chiaramente tra i fiumi Tigri ed Eufrate.

TIgri & Eufrate
Particolare fiume – Photo credit: Balena Ludens

Come i precedenti titoli della nostra rubrica “Game’s History“, anche T&E occupa stabilmente le prime posizioni nell’agognatissima classifica di BoardGameGeek.

Tigri & Eufrate – Sintesi di gioco

Partiamo dallo scopo del gioco, ovvero creare la civiltà più equilibrata e sviluppata. Bisognerà, quindi, dare vita ad una cultura dinamica sviluppando commercio, agricoltura, sviluppo residenziale e religione, senza tralasciare i conflitti per la conquista del territorio. Ogni insieme di tessere adiacenti ortogonalmente viene definito regione. Una regione che contiene anche una pedina leader è definito regno. In ogni regno può esserci solo un singolo leader di un tipo per volta.
A turno ogni giocatore può fare due azioni (anche la stessa ripetuta) a scelta tra:


Disporre un leader (quando un leader è piazzato in un regno contenente un altro leader con lo stesso colore dà luogo a un conflitto interno).
Piazzare una tessera su una casella libera (rispettando determinate restrizioni). Quando una tessera è posizionata in modo da unire due regni dà luogo a un conflitto esterno.
Sostituire fino a 6 tessere.

Tigri & Eufrate
PIazzamento tessere e tasselli – Photo credit : Balena Ludens

La partita termina quando un giocatore non può refillare la sua scorta tessere o quando sul tabellone sono rimasti 2 o meno cubi neutri.

Tigri & Eufrate – Game’s History #5

Sicuramente T&E è uno step da affrontare per entrare a pieno nel mondo dei boardgames, soprattutto per gli amanti del genere German o Eurogame.
Classificabile, anche, come di genere scacchistico ha visto susseguirsi varie edizioni; l’ultima del 2014 è a cura di Fantasy Flight e, in Italia, Giochi Uniti.
Il regolamento appare breve e di facile comprensione, un po’ meno le prime partite.
Molto curioso e caratteristico il modo in cui conteggiare i punti di fine partita: ogni giocatore manterrà solamente il punteggio più basso guadagnato tra i vari colori.
I materiali delle componenti sono decisamente cambiati nel corso del tempo, tanto da passare dal legno alla plastica.
Infatti, ad oggi, c’è chi preferisce ancora le vecchie edizioni.
Ciò non toglie che la grafica e l’apparenza non la fanno da padrone a questo titolo.

Preparate la vostra strategia migliore, sul Tigri e sull’Eufrate la fortuna non conterà!

Have a good game!

Seguici su:




© RIPRODUZIONE RISERVATA