Cronaca

Moderna ha presentato la documentazione per la terza dose di vaccino

L’azienda Moderna ha presentato all’Ema – Agenzia europea del farmaco – la documentazione necessaria per l’approvazione della terza dose di 50µg (microgrammi, ndr) di il vaccino anti Covid-19.

La documentazione di Moderna

“Siamo lieti di presentare all’Ema un’approvazione condizionale alla commercializzazione per il richiamo a dose di 50µg. Lo studio di Fase 2 e le analisi aggiuntive, mostrano che una dose di richiamo di 50µg del nostro vaccino COVID-19 induce robuste risposte anticorpali contro la variante Delta. Rimaniamo impegnati a stare al passo con il virus e a seguire l’epidemiologia in evoluzione del SARS-CoV-2”

ha dichiarato l’amministratore delegato di Moderna Stéphane Bancel.

“Lo studio di fase 2 è stato modificato in modo da offrire una terza dose da 50µg ai partecipanti 6 mesi dopo la seconda dose. I titoli anticorpali neutralizzanti erano diminuiti significativamente prima del potenziamento dopo circa 6 mesi. Il richiamo ha potenziato i titoli neutralizzanti al di sopra del benchmark di fase 3. Dopo la terza dose i titoli neutralizzanti hanno raggiunto tutti i gruppi di età, in modo particolare gli anziani al di sopra dei 65 anni. Il profilo di sicurezza dopo la terza dose, è simile a quello osservato dopo la seconda”.

Questa la nota dell’azienda.

Andrea Caucci Molara

Restate aggiornati su Metropolitan Magazine Attualità. Seguiteci su Facebook

Adv
Adv

Andrea Caucci Molara

Ho 26 anni e sogno fin da piccolo di diventare giornalista. Ho sempre preferito l'edicola al negozio di giocattoli.
Adv
Back to top button