Cinema

Morbius: il metodo di recitazione di Jared Leto ha portato problemi sul set

Il film Morbius continua la sua corsa al box office, subendo critiche della stampa specializzata e molti apprezzamenti del pubblico, in un’intervista con Uproxx, il regista Daniel Espinosa, ha affermato che ha avuto dei problemi sul set generati dal metodo di recitazione di Jared Leto.

Sappiamo che l’attore è famoso per la sua immedesimazione completa nel personaggio che interpreta sul set, però questo ha creato dei problemi durante le riprese del cinecomic Sony.

Il metodo di recitazione di Jared Leto: è rimasto nel personaggio anche nelle pause

Il regista durante l’intervista racconta che Leto è rimasto nel personaggio anche durante le pause tra le riprese necessarie per andare in bagno. La domanda spontanea qui è ma in che modo? Si è fatto accompagnare alla toilette sulla sedia a rotelle e di conseguenza ha allungato le pausa fino a 45 minuti.

Il commento di Daniel Espinosa: “Penso che ciò che Jared credesse… ciò che Jared credeva è che in qualche modo avesse bisogno imprimere il dolore di quei movimenti, anche quando sta interpretando un normale Michael Morbius, perché sta soffrendo da tutta la sua vita. Nonostante sia vivo e sia forte, deve essere una cosa diversa. Si tratta dei processi delle persone. Tutti gli attori credono in queste cose e tu, come regista, devi sostenere qualsiasi cosa renda buona la loro interpretazione“.

Non dimentichiamoci di come l’attore in passato abbia ammesso di aver inviato “perline anali e preservativi usati” ai membri del cast di Suicide Squad, che lo avrebbero aiutato a immedesimarsi con il Joker del film. Leto ha anche girato Blade Rynner 2049 completamente cieco perchè il suo personaggio Niader Wallace era cieco.

Come ha annunciato Espinosa, sono dinamiche e scelte personali ed il ruolo del regista è quello si assecondare gli approcci scelti dai propri attori che da come abbiamo visto nel film ha portato ai suoi frutti.

Valeria Muratori

Instagram

Back to top button