MotoGP eSport 2020 – I campionati virtuali non si fermano e la stagione 2020 della eSport MotoGP è pronta a ripartire a pieno ritmo. E mentre le leggende delle due ruote sono pronte a darsi battaglia nel secondo appuntamento della Virtual Race sul tracciato del Red Bull Ring in programma il 12 Aprile; i professionisti virtuali accendono PC e console pronti a vincere le Global Series eSport MotoGP.

motogp esport 2020
Il podio della prima Virtual Race corsa al Mugello – Photo credit: MotoGP eSport Official Twitter Page

MotoGP eSport 2020 – La struttura del campionato

Dopo l’enorme successo del 2019, la quarta edizione del Campionato MotoGP eSport è pronta a partire. In questo 2020 la corsa al titolo sarà decisa da due fasi: il Pro Draft e le Global Series. I primi 3 eventi online faranno parte del Pro Draft: la prova cronometrata (identica per tutti), nella quale i piloti gareggeranno per accedere al campionato. Solo i 22 più veloci (di cui 16 europei) saranno poi selezionati dalle scuderie ufficiali MotoGP per partecipare alle Global Series. Il campionato si svilupperà poi in 4 appuntamenti con Gara 1 e Gara 2, disputate su vari circuiti.

Si parte con il primo evento il 29 Maggio al Mugello. I giocatori si sfideranno per Gara 1 sul tracciato italiano e per Gara 2 a Jerez. Il secondo appuntamento si terrà al Red Bull Ring: anche qui Gara1 sul tracciato austriaco e Gara2 a Sepang. Poi si passa la terzo round, con location il Misano World Circuit. Gara1 sul tracciato del Santa Monica e Gara2 a Phillip Island. L’ultimo appuntamento si terrà sul tracciato di Valencia, con le due sfide in programma a Silverstone e al Ricardo Tormo. Qui la competizione arriverà alle stelle, data la possibilità di raddoppiare i punti conquistati. Per ora non ci sono notizie sul fatto che il Coronavirus possa influenzare tali eventi.

motogp esport 2020
Il calendario della stagione 2020 dei MotoGP eSport – Photo credit: MotoGP eSport Official Twitter Page

MotoGP eSport 2020 – Le due ruote alla conquista del virtuale

Non solo sull’asfalto, anche nel mondo virtuale i numeri del Campionato MotoGP raggiungono cifre da capogiro: indice di un incredibile tasso di crescita esponenziale, che nelle scorse edizioni ha portato il torneo a più di 64 milioni di visualizzazioni online.

Mentre ci si prepara per l’inizio di stagione, Dorna Sports continua ad accumulare record, entrando tra i finalisti degli Sports Technology Awards 2020 nella categoria “Use of Esports by a Sports Brand”. Il premio rappresenta l’uso innovativo degli eSports attraverso la fedeltà con lo sport tradizionale. A competere per il titolo anche la Formula Uno Digital Media (il campionato eSport della F1) e la NBA con la Take-Two Interactive (la NBA 2K League).

MotoGP eSport 2020 – Tricolore in trionfo

Tutto è pronto per cominciare e lo spettacolo, soprattutto per i tifosi italiani, potrebbe essere solo all’inizio. Nelle passate edizioni infatti, è stato il tricolore italiano a dominare il Campionato MotoGP eSport. Al via del Motomondiale virtuale nel 2017, l’appena diciottenne Lorenzo Daretti, conosciuto nel mondo online come Trastevere73, ha conquistato il primo trofeo virtuale nella storia della MotoGP per poi, un anno più tardi, riconfermarsi campione. Il 2019 è invece l’anno di Andrea Saveri, in arte AndrewZh, che con il team di Borgo Panigale conquista il titolo coronandosi nuovo campione della MotoGP eSport, relegando a Daretti il titolo di vice campione.

motogp esport 2020
Andrea Saveri e Lorenzo Daretti, rispettivamente campione e vice campione dei MotoGP eSport 2019 – Photo credit: MotoGP eSport Official Facebook Page

Oggi si conclude la terza sfida del Pro Draft, ambientata sul circuito di Austin nei panni di Marc Marquez. Da essa verranno finalmente scelti i 16 giocatori europei e i 6 giocatori dalle restanti parti del mondo, per un totale di 22 partecipanti. Poi sarà la volta del vero campionato, nella speranza che i nostri italiani possano portare il tricolore sul tetto virtuale per il quarto anno consecutivo.

SEGUICI SU :

INSTAGRAM: https://www.instagram.com/motors.mmi/
YOUTUBEhttps://www.youtube.com/channel/UCigTTOEc6pPf3YtJMj9ensw
SPOTIFYhttps://open.spotify.com/show/4r2r46o8ZTBOnjzPG7Hihw
FACEBOOKhttps://www.facebook.com/motors.mmi/
NEWS MOTORIhttps://metropolitanmagazine.it/category/motori-sport/

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo precedenteCoronavirus e Pasqua, la venerazione della sindone non si ferma
Articolo successivoYouTuber |3 Interviste esclusive
Ciao, mi chiamo Alberto e ho 24 anni. Sin dalle scuole medie sono sempre stato affascinato dal mondo delle due ruote, ma è solo nel 2015, all'età di 18 anni, che ho provato sulla mia pelle la magia del primo Gran Premio. Nonostante seguissi già da tempo la MotoGP non ero mai andato oltre alla semplice gara trasmessa in televisione. Così, insieme a un mio grande amico, abbiamo deciso di affrontare la sfida nel migliore dei modi: da Milano al Mugello in sella a un 125cc per un viaggio magico e sentimentalmente infinito: pieno di felicità, emozioni, sorprese e naturalmente... MOTO. Da allora andare in moto e seguire (anche se solo virtualmente) i campioni delle due ruote è diventato una piacevolissima droga. Facendo un salto temporale in avanti arriviamo al presente, o quasi. È infatti nel 2019 che scopro la passione per la scrittura e decido da subito di approfondire la materia. Il lavoro da fare è ancora tanto e faticoso, ma il mio sogno resta quello di scrivere di sport, passione e sacrificio ed è grazie a Metropolitan Magazine se questa "sogno" si sta, giorno dopo giorno, concretizzando.