Motomondiale

MotoGP mercato piloti: trattative difficoltose

MotoGP mercato piloti – Le complicazioni per la classe regina continuano. E dopo lo stop al Motomondiale, il Covid-19 assume un ruolo fondamentale anche nel mercato piloti per la stagione 2021. Normalmente, a fine Aprile, scuderie e piloti iniziano a entrare nel vivo del mercato in preparazione dell’anno successivo. Il continuo rinvio della stagione e l’impossibilità di scendere in pista sta mettendo però in crisi non solo il futuro dei piloti, ma anche quello delle scuderie stesse. Se da un lato per gli atleti in scadenza di contratto il rischio potrebbe concretizzarsi nel perdere la sella, dall’altro i team dovranno di fatto affrontare una crisi economica senza precedenti.

MotoGP Mercato Piloti
Il Covid-19 e l’impossibilità di scendere in pista stanno complicando le trattative del mercato, mettendo a rischio il futuro di piloti e scuderie – Photo Credit: pagina Facebook MotoGP

MotoGP mercato piloti – Sono 17 i piloti senza contratto

Nonostante i regolamenti siano stati congelati, i piloti dovranno decidere al buio riguardo il loro impegno nel 2021. Se mai il campionato ripartirà, gli impegni saranno scanditi da ritmi frenetici fra gare e meeting su tempi ristrettissimi e senza margine d’errore. Così a oggi, 17 piloti del massimo campionato motociclistico internazionale sono apparentemente senza un contratto in mano. Ecco cosa dice Poncharal, il presidente dell’IRTA, in merito alla situazione:

“Molti team e piloti volevano vedere come sarebbero andate le prime quattro o cinque gare prima di decidere come procedere. Ma non abbiamo ancora corso e non abbiamo ancora visto nulla.”

La situazione è davvero singolare: tra i piloti che hanno già firmato un contratto per le prossime stagioni ci sono Marc Marquez che rimarrà in Honda fino al 2024, Alex Rins in Suzuki fino al 2022, Tito Rabat ingaggiato fino al 2021 da Avintia Ducati, Maverick Vinales in Yamaha per altri due anni e Fabio Quartararo che nel 2021 andrà a vestire i panni del team ufficiale Yamaha.

MotoGP mercato piloti – Honda e Yamaha giocano d’anticipo

Le due case giapponesi sono attualmente quelle meno in crisi nelle trattative del mercato piloti. Alla soglia del 2020, la Yamaha si è infatti assicurata la giovane coppia Maverick Viñales – Fabio Quartararo fino al 2022. Lo scambio del francese con Valentino Rossi ha di fatto blindato il box Yamaha Monster Energy, lasciando al Dottore un paracadute di emergenza qualora decida di correre anche nella stagione 2021 con Petronas. Con il rinnovo di contratto per Morbidelli anche il team Yamaha Petronas potrebbe assicurarsi due piloti d’eccellenza, almeno per il prossimo anno.

MotoGP mercato piloti
Valentino Rossi e Maverick Viñales. Dalla prossima stagione il Dottore potrebbe scambiare la sella con quella di Quartararo del team Petronas. Sempre che non si ritiri – Photo Credit: pagina Facebook MotoGP

Dall’altro lato, il rinnovo di Marc Marquez con la Honda per quattro stagioni ha garantito allo spagnolo un’intera carriera sotto l’ombrello della HRC. Per il fratello Alex invece, la situazione si complica. Il neo 24enne avrebbe dovuto infatti guadagnarsi il rinnovo nella stagione 2020. Viene dato per scontato che se il Mondiale non dovesse iniziare, Honda prolungherà il contratto del campione Moto2, ed è probabile che lo faccia arrivare fino al 2022 per allinearsi con le altre scuderie.

MotoGP Mercato Piloti
I fratelli Marquez alla presentazione del Team HRC 2020 – Photo Credit: pagina Twitter Repsol Honda Team

MotoGP mercato piloti – Ducati in bilico

Da Borgo Panigale potrebbe arrivare la conferma dello status quo per gli italiani. Sia Dovizioso che Petrucci potrebbero continuare l’avventura nel team per un discorso di alternative non così allettanti e per un’annata che, di fatto, è accompagnata da tanti punti interrogativi. Dovi ha il coltello della parte del manico e quindi potrà permettersi di alzare la posta, forte dei risultati degli ultimi anni. Per Danilo Petrucci la trattativa è molto più in bilico, specialmente dopo l’insoddisfacente seconda parte dello scorso campionato. A giocarsi la seconda sella factory saranno probabilmente in quattro: Petrux, Jack Miller, Pecco Bagnaia e il jolly Johann Zarco. Ecco cosa pensa Danilo del suo futuro:

“È chiaro che bisognerà lottare per il rinnovo, il mio primo obiettivo è restare nella Ducati ufficiale. Per fortuna la scelta dei piloti avviene in base ai risultati, non potendo correre in questo momento non si può prendere nessuna decisione. Questa cosa non mi spaventa, anzi non vedo l’ora di tornare in moto.”

Dovi e Petrucci
Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso nei test invernali 2019 – Photo Credit: profilo Twitter di Danilo Petrucci

Le risposte di Suzuki, KTM e Aprilia

Anche Suzuki gioca d’anticipo assicurandosi per altre due stagioni lo spagnolo Álex Rins, mentre a breve ci si aspetta il rinnovo anche per Joan Mir. Le concorrenti KTM e Aprilia potrebbero invece scommettere puntando su un mix di piloti esperti e giovani promesse da svezzare. Per la casa austriaca Pol Espargaró è un elemento ormai irrinunciabile, mentre Binder e Oliveira non hanno al momento alcuna garanzia. A Noale l’intenzione è di rinnovare Aleix Espargaró, mentre per Iannone la situazione diventa più complessa, soprattutto a causa dell’intricato caso doping.

https://www.instagram.com/p/B_KKIHoD3oA/

SEGUICI SU :

Back to top button