Con la Scuola di Musicoterapia “Oltre” scopriamo un mondo fatto di suoni e relazioni che possono guarire

Fortunatamente il benessere psicologico non è più un tabù e ci sono diverse forme di terapia che ciascuno può scegliere per mantenerlo o recuperarlo. Tra queste ce n’è una davvero particolare, che utilizza la musica e il suono.

Si tratta della Musicoterapia, un approccio clinico che vede nel suono, la chiave per permettere alle persone di esprimere le proprie esigenze, creare relazioni e superare disagi anche gravi. Per conoscere meglio questa disciplina, abbiamo visto da vicino una delle scuole che insegnano come praticare la Musicoterapia, la Scuola “Oltre”.

Nata diversi anni fa dalla collaborazione diretta con Rolando Benenzon, psichiatra e musicista argentino, questa scuola insegna come applicare la musica al mondo del benessere psichico.

Si tratta di un percorso di tre anni ai quali si accede tramite selezioni, che oltre ad insegnare delle tecniche e delle metodologie, da agli studenti la possibilità di esplorare il proprio sé, nell’approccio corporeo-musicale.

Dalle selezioni possono emergere solamente quindici allievi all’anno, per garantire un approccio mirato alla disciplina. Oltre alla psicologia e alla pedagogia, si approfondisce in particolare il metodo Benenzon, basato sulla ricerca dell’identità sonora del paziente.

L’approccio alla Musicoterapia della Scuola “Oltre” è sia teorico che pratico e vede gli studenti impegnati in un lungo percorso di tirocinio clinico.

Il 16 novembre questa scuola terrà un Open Day nella sua sede in Via dei Marsi 73. Un appuntamento utile a scoprire la Musicoterapia e le sue potenzialità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA