Gossip e Tv

Natalia Titova, perché è finita con l’ex Simone Di Pasquale: “Era importante”

Spinti dalla stessa passione per la danza, sia Simone Di Pasquale e Natalia Titova hanno cominciato a ballare fin da giovanissimi.

Il loro primo incontro risale al 1998, quando Di Pasquale domandò al suo coreografo se potesse trovargli una ballerina a lui affine. Una volta che la vide, egli rimase letteralmente incantato dalla bellezza della sua collega, come ammesso da lui stesso.

Da quel giorno è iniziato un sodalizio artistico tra i duefino a quando è scoppiato anche l’amore. Inizialmente la coppia non riusciva nemmeno a comunicare, per via della differenza linguistica. Con il passare del tempo però, la Titova e il suo compagno hanno trovato una certa affinità, sia in ambito lavorativo che in quello privato. A dimostrazione di ciò, la love story che li ha visti protagonisti è durata circa sette anni.

La relazione amorosa tra i due ha visto la sua interruzione nel 2005. Da quel momento in poi infatti, le loro strade si sono divise.

I successi ottenuti dalla famosa coppia nel campo della danza sono stati molteplici, essendo riusciti ad affermarsi anche in alcune competizioni internazionali. Entrambi molto riservati, non hanno mai chiarito le effettive ragioni che hanno portato alla fine del legame.

Tuttavia, sappiamo bene che Simone e Natalia sono rimasti comunque in ottimi rapporti, tanto che hanno collaborato insieme in altri progetti. Inoltre, Di Pasquale ha conosciuto l’attuale compagno della sua ex, ovvero Massimiliano Rosolino.

Oltre a lui, il ballerino ha incontrato anche le loro due figlie, Sofia Nicole e Vittoria Sidney. Di queste ultime ha detto che sono bellissime, nel corso di un’ospitata nel programma di Caterina Balivo. In riferimento all’ex nuotatore italiano invece, dopo aver affermato di conoscerlo bene, ha dichiarato che si tratta del compagno perfetto per la Titova.

Back to top button