CinemaMetroNerd

Naya Rivera, lo sceriffo dichiara “É morta per salvare il figlio”

Continuano ad arrivare aggiornamenti oltreoceano per la prematura scomparsa di Naya Rivera, annegata nel lago Piru in California durante una gita in barca con il figlio. A poche ore dal ritrovamento del corpo della star di Glee, si è tenuta una conferenza stampa durante la quale lo sceriffo William Ayub ha dichiarato quanto segue:

A metà pomeriggio erano andati a nuotare ma poi la barca si è allontanata portata via dalle correnti e Naya ha trovato abbastanza energia per salvare il bambino ma non abbastanza per lei stessa. Il bambino ha raccontato che la mamma lo ha aiutato a risalire in barca. Quando ha guardato indietro l’ha vista scomparire sott’acqua”.

Il cast di Glee e la famiglia di Naya Rivera sulle rive del Lago Piru
Il cast di Glee e la famiglia di Naya Rivera sulle rive del Lago Piru

Naya Rivera, il tributo del cast di Glee

Alcuni membri del cast di Glee, appreso il ritrovamento del corpo della Rivera, ieri si sono riuniti sulle rive del Lago Piru insieme alla famiglia dell’attrice. Questo intenso momento è stato catturato da un’immagine nella quale i personaggi della serie e i familiari si tengono mano nella mano rivolti verso lo specchio d’acqua.

Il ritrovamento del corpo di Naya è coinciso con l’anniversario di morte di Cory Monteith, altro protagonista di Glee, scomparso nel 2013 per overdose di alcol ed eroina. Cinque anni dopo un altro protagonista della serie andata in onda su Fox, Mark Sailing con il quale l’attrice aveva avuto una relazione, si era impiccato a Los Angeles.

Seguici su

Facebook

Infonerd

Metropolitan Gossip

Metropolitan Cinema

Instagram

Twitter

nickyabrami

Siciliana trapiantata a Roma. Abbandonati gli studi universitari, ho girato e giro in lungo e largo l'Italia per amore della musica e per passare qualche giorno in compagnia dei miei amici e di un buon bicchiere di vino. Ho collaborato con magazine musicali scrivendo live report su vari artisti italiani e stranieri e da gennaio 2017 ho occhi solo per Metropolitan Magazine
Back to top button