In vista della prossima stagione, il Milan sta portando in atto una rivoluzione. Dalla panchina al ruolo di direttore sportivo, per finire alla rosa, il club rossonero sta lavorando intensamente. La squadra del futuro presenterà grossi cambiamenti, con qualche probabile partente di lusso. Ed in questo “futuro” potrebbe essere presente, tra i tanti, anche Evan N’Dicka.

I rinnovi del Milan

Nei piani futuri del Diavolo, non ci sono soltanto volti nuovi, ma c’è spazio anche per il discorso rinnovi. Tre sono i nomi più caldi in questa fase di stallo del calcio giocato a Milanello; andiamo a vedere caso per caso.

Alessio Romagnoli. Il difensore classe 1995, dal 2015 in casacca rossonera, ha un contratto in scadenza nel 2022. Secondo quanto riporta “Calciomercato.com”, il suo agente Mino Raiola ha avviato le discussioni con la società circa il suo prolungamento al Milan. Il calciatore della Nazionale è intenzionato a rimanere a Milano, nonostante gli interessamenti di diverse squadre, fra cui Chelsea, Lazio e non ultima il Napoli. Proprio con il club partenopeo si potrebbe aprire uno scenario clamoroso. Secondo “Calciomercatoweb.it”, se Koulibaly dovesse lasciare la squadra azzurra, sarebbe proprio Romagnoli il suo erede nei piani di Gattuso. Nell’operazione potrebbe rientrare Hirving Lozano, il cui agente è sempre Mino Raiola, e ciò consentirebbe al club napoletano di abbassare la quotazione del difensore, valutata intorno ai 40-50 milioni di euro. In ogni caso, la prima opzione del giocatore ex Roma e Sampdoria, è quella di rimanere in maglia rossonera.

Gigi Donnarumma. Sul portiere della Nazionale le voci non si sono mai fermate. Che abbia degli estimatori all’estero è ben noto, Real Madrid e PSG su tutte. Ma che ci sia anche un probabile scenario futuro in Italia, è altrettanto noto. Il calciatore, classe 1999, potrebbe lasciare il Milan causa il suo ingaggio elevato, non in linea con i piani di ridimensionamento del club. Anche la Juventus, coperta da Szczesny per il dopo Buffon, è attenta alle decisioni del giovane portiere, il quale pur di rimanere a Milano, potrebbe ridursi lo stipendio.

Zlatan Ibrahimovic. La permanenza dello svedese in rossonero è sempre più lontana. A lui sono state accostate diverse squadre, Napoli, Bologna e Monza, ma il progetto futuro dell’ex Los Angeles Galaxy potrebbe essere diverso. In questi giorni, l’attaccante classe 1981, si sta allenando con l’Hammarby, club di Stoccolma di cui lui è azionista. Potrebbe essere proprio quella la sua squadra nella prossima stagione (fonte: calciomercato.it).

I nomi nuovi per il Diavolo

Il club rossonero è attivo su più fronti per cercare di dare un nuovo volto alla squadra. Soprattutto in difesa il Diavolo dovrà cambiare qualcosa. Ecco spuntare due nomi per il reparto arretrato, un centrale e un terzino.

Detto di Romagnoli, la dirigenza valuterà le posizioni di Musacchio e Kjaer. Secondo calciomercato.com, il difensore argentino potrebbe partire in caso di richieste; la permanenza invece del giocatore danese, sarebbe legata alla scelta di Suso al Siviglia.
Spunta quindi il nome di Evan N’Dicka, difensore dell’Eintracht Francoforte. Il calciatore francese, di origini camerunensi, classe 1999, ha una valutazione intorno ai 25 milioni di euro. Il Milan dovrà battere la concorrenza di altri club, fra cui il Liverpool e l’Arsenal, e conta di puntare sui buoni rapporti con il club tedesco con cui ha già operato (vedi Andrè Silvia-Rebic).

Sulle corsie esterne, è spuntato il nome di Emerson de Souza secondo Mundo Deportivo. Il terzino destro, classe 1999, è di proprietà del Barcellona in prestito al Betis Siviglia. Nei piani del Milan, potrebbe essere il giusto sostituto a Conti e Calabria, piuttosto deludenti. A rovinare i progetti futuri dei rossoneri, è proprio Il Barcellona, il quale lo vorrebbe lasciare in prestito un altro al Betis, prima di riportarlo a “casa” (fonte: calciomercato.com).

Per l’attacco, il nome nuovo è Norberto Briasco, calciatore dell’Huracan. Il giocatore, classe 1996, ha dichiarato quanto segue, come riporta Tyc Sports (fonte: milannews.it):

“Ci sono stati contatti, ma non ho fretta. Il mio agente è stato in Italia e negli Stati Uniti”

© RIPRODUZIONE RISERVATA