Attualità

“No al Patto di Stabilità”, lo dice l’Europa

Il Coronavirus fa scattare nuove misure di sicurezza per fronteggiare l’epidemia che si sta abbattendo sull’Europa. E i capi di stato chiudono le frontiere e bloccano il Patto di Stabilità promuovendo una clausola di salvaguardia generale.

A margine di una videoconferenza per fronteggiare il problema del Coronavirus, l’Ue decide di chiudere le frontiere esterne e di bloccare il Patto di Stabilità.

I capi di Stato e di governo dell’Ue hanno concordato di rafforzare il confine esterno applicando una restrizione coordinata dei viaggi non essenziali verso l’Ue per trenta giorni”. A dirlo è stato Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, a margine di una teleconferenza tra capi di stato e di governo, per affrontare il problema del Coronavirus. Intanto, il presidente, invita tutti i leader dei 27 a ritrovarsi “di nuovo la prossima settimana per teleconferenza. Questo significa che il Consiglio europeo che doveva tenersi a Bruxelles giovedì e venerdì non avrà luogo”. Le frontiere esterne sono state ormai chiuse per trenta giorni per prevenire la diffusione del Coronavirus; tutti i capi di stato hanno raggiunto questo accordo tramite una videoconferenza.

Frontiere chiuse ma merci libere

Angela Merkel è d’accordo con Michel sostenendo che in Germania potranno entrare solo cittadini dell’Unione europea e persone con permesso di residenza a lungo termine ma sarà mantenuta “la libera circolazione delle merci“. Anche David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, appoggia le parole della Cancelliera tedesca: “stiamo dimostrando un vero senso di solidarietà: corsie preferenziali per il passaggio di attrezzature mediche, la difesa della libera circolazione delle merci nell’Ue e il primo importante sostegno economico per le nostre famiglie e imprese”.

Patto di stabilità

Stiamo lavorando sulla clausola di salvaguardia generale e faremo una proposta al Consiglio nei prossimi giorni. Tutte le misure che sono state prese sul piano sanitario, che sono corrette per contenere il virus, hanno un impatto enorme sulla nostra economia”, risponde così la presidentessa della Commissione europea Ursula von der Leyen. Il Patto di Stabilità dunque verrà sospeso ma la Commissione, afferma von der Leyen, “presenterà una clausula di salvaguardia generale”. La Commissione europea farà tutto il necessario per affrontare questa emergenza e, se necessario, adotterà anche altre misure. La von der Leyen è anche a capo di un team di virologi ed epidemiologi per il coordinamento europeo nella risposta alla crisi dovuta dal Coronavirus e afferma che le decisioni prese sono “concrete e appropriate per il popolo europeo” – e che – “la competenza scientifica e la buona consulenza sono ora più preziosi che mai”.

Back to top button