Gossip e Tv

Noemi, chi è la sorella Arianna Scopelliti: “Prima era la mia agente”

È una delle voci più brillanti del panorama musicale italiano. Inconfondibile il suo timbro graffiante che ha incuriosito il pubblico di Rai Due nel 2009 partecipando alla seconda edizione del talent show X Factor. Con Briciole conquista il pubblico, vince il disco d’oro ed apre la porta verso il successo. Sono gli anni in cui canta con Fiorella Mannoia e partecipa al Festival di Sanremo posizionandosi al quarto posto con il brano Per tutta la vita. Ma per Noemi era soltanto l’inizio di un exploit di successi, una carriera musicale che anno dopo anno ha raggiunto mete ambite. Dal disco di platino per Vuoto a perdere alla candidatura del Nastro d’argento per la colonna sonora del film Femmine contro maschi. Noemi ha una sorella, Arianna.

Noemi e Arianna si somigliano molto. Hanno lo steso sguardo e se non fosse per il colore iconico della cantante, che ha scelto di tingersi di rosso fin dai suoi 18 anni, anche il biondo dei capelli sarebbe stato identico. La vita privata di Arianna Scopelliti è ben tutelata da un’attenta privacy social. Non a caso i profili Instagram e Facebook non sono pubblici ma qualche foto e recente stories della cantante hanno svelato qualcosa di più mostrando la sorella in tutto il suo splendore. Oltre ad essere inseparabili Arianna cura gli interessi discografici di Noemi come manager e non è tutto. In un lontano videoclip realizzato nel 2006 per Dimmi come passi le notti, brano cantato da Pier Cortese c’è una sequenza di immagini che vedono come protagonisti volti dello spettacolo tra cui anche le sorelle Scopelliti.

Come è capitato a molti, tutto nasce dall’introspezione vissuta in occasione del primo lockdown, a marzo 2020. “Da una riflessione personale che mi ha reso più profonda – precisa al Corriere della Sera – perché quando capisci che qualcosa che non va, fa bene fermarsi un attimo”. Ed è così che l’artista si è mossa verso la ricerca di un nuovo staff e, quindi, di rinnovate sonorità: “Ero fossilizzata sui miei suoni e avevo bisogno di nuove persone. Così sono andata in cerca di un vibe più contemporaneo e con un vocal coach ho dato nuovi colori alla mia voce”. 

Tra i cambiamenti più importanti, quello al vertice. Manager di Noemi non è più infatti il padre Armando Scopelliti, né la sorella Arianna, anch’essa sua agente. Il motivo è presto spiegato. “Collaborare con qualcuno che non è tuo papà permette di avere la giusta distanza perché quella persona può dare consigli in modo più obiettivo – spiega lei – L’affetto e la protezione di un genitore sono bellissimi ma a volte non aiutano. Io avevo bisogno di qualcuno che mi vedesse come una cantante. È stata una scelta che ho fatto per poter evolvere”. Una decisione che è stata “assolutamente compresa” dal papà. 

Armando è stato al fianco della figlia sin dai suoi esordi ad X Factor, nel 2009. E’ stato proprio lui, ex chitarrista, a tramandarle la passione per la musica quando lei era ancora una bambina. La mamma Stefania, invece, è cantante amatoriale oltre che pittrice. Sin da piccola Noemi studia pianoforte e chitarra, stendendo i primi testi fino al primo demo arrivato a 21 anni. 

Back to top button