Cinema

Non ci resta che piangere, miti a confronto

C’è poco da dire e poco da fare quando una coppia funziona, funziona. Due personalità perfettamente in simbiosi, perfettamente armoniche che potevano lasciarci solamente un film a rappresentazione e ricordo di questa collaborazione perfetta. Massimo Troisi e Roberto Benigni per “Non ci resta che piangere”. Poesia.

Due miti, un solo film, insieme per sempre.

Scritto, diretto e interpretato dai due attori comici più grandi dell’epoca, uno napoletano doc, l’altro toscano doc. Roberto Benigni che da lì sarebbe definitivamente esploso, Massimo Troisi, poeta massimo, già due film di regia alle spalle, due successi s’intende, di pubblico e critica, di comicità e filosofia, insieme compongono un’opera che sarà storia. Impresa magnifica della commedia, oggi caposaldo del cinema italiano, a cui neanche il grande Leonardo Da Vinci si è potuto sottrarre.

Benigni, Troisi e Leonardo Da Vinci al centro foto dal web. Non ci resta che piangere
Benigni, Troisi e Leonardo Da Vinci al centro foto dal web

“Non ci resta che piangere”, enorme successo del 1984, oggi più che mai necessario per riuscire a ridere ancora attraverso la poesia dell’amicizia.

Mario (Massimo Troisi) e Saverio (Roberto Benigni), il primo bidello, il secondo maestro elementare deluso in amore, a causa di una sfortuita deviazione in auto si ritrovano abbarbicati nel mezzo del medioevo ai tempi di Savonarola e compagnia bella. L’incontro tra le due epoche sarà motivo di peripezie e incontri che aggiungono leggenda alla già leggendaria trama. La lettera al terribile frate, la palla di Amanda Sandrelli, l’attraversamento della dogana, la partita a scopa con il genio toscano, sono scene memorabili di ineguagliabile comicità.

Frame da "Non ci resta che piangere" foto dal web. Non ci resta che piangere
Frame da “Non ci resta che piangere” foto dal web

“Non ci resta che piangere” film della sera consigliatissimo, per un pasqua tutt’altro all’insegna del pianto. Per un viaggio nella storia dei libri, del cinema, della commedia. Restate a casa.

Seguiteci su MMI, Il cinema di Metropolitan, Facebook, Instagram, Twitter.

Back to top button