Cinema

Vanzina, “Non si ruba a casa dei ladri”…Con il coronavirus

La commedia, campione d’incassi nei cinema e che vede protagonisti Massimo Ghini, Vimnenzo Salemme e Manuela Arcuri, racconta la storia di Antonio Russo, noto imprenditore finito in povertà, che si troverà a rubare per vivere. Ma alcune peripezie scombussoleranno i suoi piani…

Non si ruba a casa dei ladri, le risate ai tempi del coronavirus

In tempi così duri dal punto di vista economico e sanitario, dovuti all’ impressionante diffusione del Covid-19 che, solo in Italia, ad oggi ha causato 1.015 morti -nella stima diramata circa due ore fa dal capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli-, la commedia televisiva sembra essere diventata l’unico mezzo per sorridere.

Massimo Ghini e Manuela Arcuri in una scena del film

E, magari, anche di dimenticarsi un po’ delle difficoltà che ciò sta portando. Ma è anche un modo per riflettere sull’ipocrisia di una società che, avida di potere e di denaro, è disposta a ribare anche a casa di chi viola le leggi e crea danni economici. Una commedia leggera, per tutta la famiglia, adatta per questi giorni in cui stare in pantofole sembra essere diventato il passatempo quotidiano. Nella speranza che questa situazione si risolva e che il nostro Paese ne esca il prima possibile, come tutta Italia si augura.

Nel frattempo, ridiamoci su con questo omaggio a due dei maggiori esponenti della commedia italiana. Quei fratelli Vanzina che tanto ci hanno fatto ridere con i loro film, e che hanno lanciato tra i migliori attori comici in Italia. Infatti, grazie alla collaborazione dei due fratelli romani, sono sbocciati attori come De Sica, Boldi e Ghini. E, con loro, sono nati i cinepanettoni, i classici film di Natale che da sempre fanno record di incassi in Italia.

Seguiteci su MMI

Facebook

Instagram

Twitter

Back to top button