Notorious – L’amante perduta è unanimamente considerato uno dei capolavori del regista inglese Alfred Hitchcock (1899-1980). Uscito nel 1946, è un film thriller ricco di suspense. In questa opera vediamo Hitchcock giocare con le atmosfere tipiche dei film noir e usara la sua grande abilità di tenere lo spettatore costantemente in tensione. Ne risulta una pellicola che è considerata uno dei migliori thriller di tutti i tempi. L’American Film Institute, infatti, le ha riservato la 38° posizione nella sua AFI’s 100 Years… 100 Thrills, una classifica dei migliori film thriller e horror.

Notorious: la trama del film

Elena (Ingrid Bergman) è la figlia della spia tedesca John Huberman. John nel 1946 viene condannato a 20 anni di prigione per spionaggio. La giovane donna, invece, è reclutata da un agente segreto americano, T.R. Devlin (Cary Grant). Il suo compito è quello di avvicinare e sedurre un amico di suo padre, Alessio Sebastian (Claude Rains), e ottenere importanti informazioni per il governo statunitense. Alessio è, infatti, sospettato di essere il capo di un’organizzazione nemica degli Stati Uniti.

La donna riesce facilmente ad avvicinarsi al suo obiettivo. La missione diventa, però, estremamente complessa quando l’uomo le chiede di sposarlo. Elena accetta, iniziando così un sottile e rischioso doppio gioco. Avrà il compito continuare a fingere di amare suo marito. Inoltre, dovrà cercare di non farsi scoprire e guardarsi dalla madre di Alessio, che sembra tramare qualcosa contro di lei. A rendere il tutto ancora più contorto è anche il rapporto tra la giovane e Devlin. I due dovranno, infatti, fare i conti con i sentimenti che li legano.

Hitchcock e l’ambiguità dei suoi personaggi

Notorious permette di notare uno degli elementi usati da Hitchcock per iserire nel suo film tensione e suspense. Il re del brivido si diverte spesso creare caratterizzazioni molto ambigue. In molti suoi lavori, infatti, ci sono dei personaggi estremamente enigmatici. Non si riesce pienamente a capire se sono buoni o cattivi, se stanno facendo il doppio gioco o se sono sinceri. Molte volte, non si riesce ad arrivare a una conclusione sicura nemmeno a fine pellicola. Cary Grant è uno degli attori che il regista inglese ha maggiormente impiegato in questo tipo di ruoli.

Cary Grant e Alfred Hitchcock - Photo Credits: insidetheshow.it
Cary Grant e Alfred Hitchcock – Photo Credits: insidetheshow.it

I due collaborano assieme a quattro film: Il Sospetto (1941), Notorious, Caccia al ladro (1955) e Intrigo Internazionale (1959). Soprattutto in quelli girati negli anni 40, i personaggi interpretati da Grant sono estremamente ambigui, a tratti diventano addirittura inquietanti. L’attore, infatti, interpreta uomini che risultano a primo impatto estremamente affascinanti e dalle maniere impeccabili. Tuttavia, presto si inizia a percepire come sembrino avere anche un lato oscuro, o comunque nascondere qualcosa. E questo sospetto, solitamente, non abbandona lo spettatore per tutta la durata del lungometraggio.

Il Sospetto e Notorious: l’apice dell’enigmatico Cary Grant

In Il Sospetto, Grant interpreta Johnnie Aysgarth, un uomo con problemi di gioco e senza un lavoro. Lina (Joan Fontaine), sua moglie, arriva addirittura più volte a credere che lui sia un omicida. Non solo ha paura che sia il responsabile della morte di un suo amico, ma teme che voglia uccidere anche lei. Guardando il film, anche lo spettatore è assillato dallo stesso dubbio. Anche dopo che i fatti sembrano scagionare Johnnie da tutti i sospetti, nonsi riesce a non rimanere con l’idea che quest’uomo abbia qualcosa di strano.

Cary Grant in Notorious - Photo Credits: steamcommunity.com
Cary Grant in Notorious – Photo Credits: steamcommunity.com

In Notorious, Grant ricopre il ruolo di una spia. Il suo personaggio è, quindi, naturalmente enigmatico e pragmatico. Questo suo lato, però, non viene fuori solo in ambito lavorativo o per quanto riguarda la sua copertura. Devlin, infatti, non cambia anche quando si rapporta con Elena. La loro relazione dovrebbe essere sincera e non molto ambigua, visto che la donna conosce l’identità di Devlin e il suo lavoro. Ciò però non accade. Per tutta la pellicola lo spettatore non riesce mai pienamente a capire se l’uomo la ami davvero o la stia solamente usando. Inoltre, si arriva anche a sospettare che per qualche motivo la voglia eliminare.

Seguici su Metropolitan Magazine Italia e Il cinema di Metropolitan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA