Notre Dame: si poteva evitare il rogo? E cosa ha causato l’incendio?

Dopo il primo allarme scattato a Notre Dame l’incendio non è stato individuato, come invece è accaduto con il secondo allarme. Senza questo ritardo il rogo poteva essere evitato?E che cosa ha causato l’incendio?

I due allarmi scattati a Notre Dame

Nel giorno del grave incendio che ha distrutto il tetto e la guglia della cattedrale, a Notre Dame sono scattati due allarmi. Il primo alle 18:20 quando i pompieri chiamati sul posto non hanno trovato niente mentre i turisti hanno cominciato a uscire e si è continuato comunque a dire messa in una della cappelle laterali. Poi è scattato un secondo allarme alle 18:43. Le fiamme stavolta erano visibili sul tetto e tutti i fedeli sono stati evacuati mentre è partita la corsa contro il tempo per salvare la cattedrale di Parigi. C’è stato un ritardo di 23 minuti che se è evitato poteva forse fermare sul nascere il terribile incendio che ha devastato Notre Dame, individuando un focolaio che, secondo una fonte vicina all’inchiesta voluta dal procuratore di Parigi Rémy Heiz, poteva essere attivo “anche da ore

l'incendio di Notre Dame
L’incendio di Notre Dame, immagine tratta da today.it

Cosa ha scatenato l’incendio?

Al momento si esclude che quello di Notre Dame sia stato un incendio doloso. Gli inquirenti si stanno soffermando sulla saldatura di un ponteggio metallico attraccato ad una trave di legno nel cantiere del restauro della guglia che era incorso nella cattedrale da cui Heiz sembrerebbe sicuro sia partito l’incendio. Si stanno controllando anche le ascensori che erano state installate per far salire in alto gli operai i quali sono stati ascoltati insieme a Julian Le Bras, responsabile della società familiare, la Le Bras Freres, che si stava occupando del restauro del tetto e della guglia della chiesa. Quest’ultimo ha detto di aver rispettato tutti i dispositivi e le procedure di sicurezza” e che nel momento dell’incendio “non vi erano operai a lavoro”. “Noi vogliamo più di tutti che sia fatta luce sulle cause di quanto accaduto”, ha detto Le Bras ripetendo di non sapere cosa sia successo nella cattedrale

La caduta della guglia di Notre Dame

Una squadra speciale di pompieri in queste ore sta analizzando i resti dell’incendio nella chiesa per comprendere le cause del rogo. Al lavoro anche i tecnici della prefettura di Parigi che hanno già effettuato alcuni prelievi dove le fiamme hanno colpito danneggiando anche alcune volte della cattedrale ora soggetta ad un lungo lavoro di restauro. La ricostruzione, secondo Frédéric Létoffé, uno dei due presidenti del Groupement des entreprises de restauration de monuments historiques (GMH) che coprende anche la le Bras Freres, potrebbe durare anche tra i 10 e i 15 anni, molto di più dei 5 anni promessi ieri dal presidente francese Macron

© RIPRODUZIONE RISERVATA