Musica

Nyv: “Faccio beatbox perché non so fischiare”

Nyv, vero nome Mirella Nyvinne Pinternagel, ha 23 anni e ha origini marocchine e tedesche. Cantante semifinalista di Amici 19, Nyv nasce a Lussemburgo all’interno di una famiglia composta da ben 7 fratelli. Si trasferisce con i suoi familiari in Italia a Domodossola dove frequenta la scuola media statale “G. Floreanini”. Successivamente vive a Cormano in provincia di Milano.

Nel 2017 la cantante sfiora la partecipazione al Festival di Sanremo con il brano “Spreco Personale” e l’anno successivo raggiunge il terzo posto in classifica per la categoria Giovani dietro Mahmood ed il gruppo La Rua.

Abbiamo chiesto a Nyv di raccontarci qualcosa di più della sua esperienza vissuta nel contesto televisivo di Amici di Maria De Filippi ed alcune curiosità su di lei e sul suo lavoro musicale.

MM: Amici 2019, sei stata la prima ad ottenere la maglia verde ed accedere quindi ufficialmente al Serale. Cosa ha significato per te il talent show e cosa ti ha insegnato l’esperienza televisiva una volta rientrata nelle mura domestiche? Momento più bello e più difficile che hai affrontato?

N.: “Amici per me ha rappresentato l’opportunità di presentare il mio progetto artistico al grande pubblico. Sono più che orgogliosa del percorso che ho fatto perché mi ha dato la possibilità di lavorare su di me sia artisticamente che umanamente. Ho vissuto molti momenti stupendi nel programma, quello sicuramente più emozionante è stato il duetto con Elisa che per me è sempre stata la mia artista preferita. Condividere il palco con lei per me è stato un regalo. Ci sono stati vari momenti di Up & Down , ma a prescindere da questo ricorderò tutto questo come un’esperienza stupenda della quale sono grata.”

MM: Canti in tre linguaggi diversi… tra italiano, francese ed inglese qual’è la tua lingua preferita? Con quale preferisci esibirti ed in quale riesci ad esprimere al 100% te stessa?

N.: “Non ho una lingua preferita, sicuramente con l’italiano e francese (avendole nel sangue) sono molto più affine. Per esprimere me stessa lascio che sia il testo della canzone che a prescindere dalla lingua, esprime sempre molto di me.”

MM: Non potrò mai dimenticare quando il 18 Novembre ho ascoltato per la prima volta il tuo singolo “Blues d’alcool” alla chitarra sul palco di amici… riesci a riprodurre magicamente suoni degli strumenti con la bocca, wow! Quanto tempo hai impiegato per riuscirci? Ha un nome specifico il suono che realizzi? Quanti altri suoni riesci a riprodurre? Dove hai studiato l’arte del beatbox?

N.: “Ti ringrazio! In realtà “Blues D’alcool” era nata con un normale fischio ma visto che non so fischiare (e questo è un dettaglio molto divertente) improvvisavo il “riff” con il suono della tromba che poi è diventato “l’effetto speciale” della canzone. In realtà la BeatBox è nata per strada perché all’epoca dalle mie parti c’erano molti rapper e si usava molto l’arte del freestyle. Io mi proponevo come Beatboxer! Creavo delle basi sulla quale loro potevano improvvisare.”

MM: A 23 anni sei già polistrumentista…tra pianoforte, chitarra, basso. Hai uno strumento preferito oppure no? E da dove nasce la passione per l’Ukulele (cordofono) usato nel nell’esibizione ad Amici con il brano Cara Italia?

N.: “Non ho un vero strumento preferito, mi piacciono tutti e non ne ho mai studiato uno, ho sempre suonato ad orecchio. Sicuramente uno strumento con la quale sono più affine è il Pianoforte che mi accompagna da quando avevo 5/6 anni. Ho comprato l’ukulele il giorno dei miei 18 anni ed è stato amore a prima vista! Ho iniziato a portarlo ovunque ma sopratutto ho iniziato a scrivere arrangiamenti che lo vedevano come strumento principale. Un’esempio tra questi è stato il brano Cara Italia di Ghali.”

MM: Low Profile è il primo disco della tua carriera risultato del debutto al talent show di Maria De Filippi. Qual è per te la canzone “biglietto da visita” dell’album? Qual è un verso di una tua canzone che ti descrive al meglio per quello che sei? Hai già nuovi progetti per il futuro?

N.: “Essendo tutte canzoni autobiografiche o comunque molto vicine a me, devo dire che non ho una canzone che ha la funzione di “Biglietto da visita”. Musicalmente parlando ci sono varie contaminazioni ma il punto focale di questo disco credo che sia la scrittura. Sto già lavorando a nuovi progetti e non vedo l’ora di poterveli far ascoltare!”

A seguire il video-clip con la prima esibizione dell’artista sul palco di Maria De Filippi con il brano “Blues d’alcool” contenuto nell’album Low Profile:

Prima esibizione Nyv “Blues d’alcool” sul palco di Amici 19 – Video Credits: Youtube

Low Profile è il suo primo album in studio pubblicato il 20 Marzo 2020 dalla Sugarmusic ed i brani (dieci) sono stati prodotti dal produttore musicale ZEF. Con una voce dal timbro intenso, Nyv è una cantautrice autodidattta poliedrica, multilingue e polistrumentista dotata di naturale talento!

Francesca Paladino

Back to top button