Ora che il colpo Kyle Hines sembra ormai prossimo all’ufficialità, l’Olimpia Milano ha lanciato un chiaro segnale a tutto il basket europeo. Bisogna invertire la tendenza e farlo in fretta. Per questo motivo i nomi che circolano (fatta eccezione per Moretti) sono tutti di giocatori esperti, pronti. La crescita è fatta anche di addii dolorosi, ma nonostante ciò, creare un blocco italiano solido sembra essere uno dei punti principali della lista di Messina.

Olimpia Milano, Kyle Hines per pensare in grande

Si attende solo l’ufficialità e poi Kyle Hines sarà un nuovo giocatore dell’Olimpia. Per l’ex Veroli e Olyimpiacos è pronto un 2+1, le cui cifre non sono ancora state rese note. Milano pagherà un buyout al Cska, che Hines ha lasciato dopo 7 stagioni e 8 trofei conquistati, tra lo stupore generale.
Un veterano della prima squadra di Mosca ed ex compagno di squadra del 33enne del New Jersey, Andrej Voroncevic, ne ha parlato subito dopo che è trapelata la notizia come uno shock, un fulmine a ciel sereno. Il numero 1 della società rossa, Vatutin, ha confermato il dispiacere di dover salutare un giocatore così importante per gli ultimi anni della sua squadra, affermando, tuttavia, di rispettare il desiderio di una nuova sfida.
E’ quello che si augurano i tifosi biancorossi. Il senso di appagamento, di soddisfazione dopo 4 titoli di campione d’Europa devono restare a Mosca, come un bel ricordo. Milano ha bisogno della sua fame e della sua motivazione al 100%.
Messina, dopo averlo già allenato, sempre nella capitale russa, si fida ciecamente e ha individuato in lui il perfetto leader che manca alla sua Olimpia.
L’asse Mosca-Milano dopo solo una stagione torna di moda. Un anno fa circa era Mike James a migrare verso l’est Europa, oggi lo stesso volo al contrario potrebbe prenderlo Kyle Hines.

Olimpia Milano
Kyle Hines
(photo credits: VTB)

Olimpia Milano, gli ultimi rumors

Il mercato dell’Olimpia non si ferma qui. Tantissimi nomi circolano.
Per alcuni si attende solo la fumata bianca, per altri ci si alza la mattina sperando di ricevere buone notizie.
Quello più d’attualità è l’ex Trento Shevon Shields. Milano è alla ricerca di una guardia attetica, con punti nelle mani e duttilità difensiva. L’Armani Exchange ha già un accordo con il 26enne, rimasto free agent dopo due anni al Baskonia, e l’impressione è che si possa chiudere già nei prossimi giorni.
Il gm di Milano, Christos Stavropoulos, insieme a tutti gli addetti ai lavori, sta monitorando la situazione di Fenerbache e Panathinaikos. Per quanto riguarda la squadra turca, il profilo di Williams, già seguito l’estate scorsa, è più di una suggestione. Inoltre, non è da sottovalutare il nome di Gigi Datome, che rappresenterebbe il profilo perfetto per il ruolo da 3 e per la creazione del famoso blocco italiano. Questa settimana sarà decisiva per le sorti di entrambi i giocatori del Fener. Per quanto riguarda il Pana, Milano è in attesa di comunicazioni che potrebbero arrivare a giorni: rinuncia all’iscrizione alla prossima Eurolega? Taglio netto del budget e degli stipendi? Al momento le condizioni della squadra greca non sono ancora chiare, ma l’Olimpia ha un accordo di massima con Ioannis Papapetrou, che diventerebbe più che un’idea nel caso il Pana dichiarasse difficoltà economiche.
Infine, oltre a Malcolm Delaney, che sembra ormai cosa fatta, si raffredda la pista Ulanovas, nonostante l’agente avesse confermato l’interesse della squadra più titolata in Italia.
Come ultima suggestione, non è da escludere categoricamente un colpo oltreoceano per completare il pacchetto italiani. Il nome è sempre quello di Marco Belinelli, in cerca di un ultimo contratto per puntare al secondo titolo Nba, ma che, in caso non lo trovasse, sarebbe ben contento a 34 anni di ritrovare Ettore Messina e l’Europa. Il suo arrivo potrebbe essere vanificato, però, dall’affare Shields.

Olimpia Milano
Williams e Datome
(photo credits: Eurosport)

Della Valle saluta, chi sarà il prossimo?

Dopo un anno di grande crescita, dove ADV è stato fermato solo dagli infortuni, è già tempo di saluti. Infatti, l’ex Reggio Emilia ha salutato e ringraziato l’ambiente Olimpia con un post su Instagram. Della Valle è la prima vittima di questo processo di crescita di Milano. A riempire lo slot di tiratore in uscita dai blocchi ci sarà Moretti, di 5 anni più giovane di Amedeo, ma che dovrà scontrarsi con una realtà tutta nuova. La destinazione più probabile per l’ormai ex milanese sembra essere Berlino, anche se è notizia delle ultime ore un sondaggio della Virtus.
Le prossime cessioni dell’Olimpia saranno legate agli arrivi. Nonostante le insistenti voci, Gudaitis va per la conferma, a meno di chiamate oltreoceano. Restano da valutare le situazioni di Brooks, Roll e Scola, mentre per Sykes, Nedovic e Crawford si può già parlare di addio.
Milano ha perso il beniamino del Forum e un pubblico così ha sempre bisogno del fiammifero che faccia scattare la fiamma. Per questo Bruno Cerella è un’opzione da tenere in considerazione.

seguici su Facebook
consulta il sito per rimanere sempre aggiornato

© RIPRODUZIONE RISERVATA