Arte e Intrattenimento

Ottobre, Mario Mazza: l’autunno nella poesia per l’infanzia del pedagogista genovese

Nel nuovo appuntamento della rubrica Letteratura per l’Infanzia, Ottobre di Mario Mazza; pedagogista e autore genovese fu uno dei fondatori delll’Associazione Scautistica Cattolica Italiana nel 1916.

Ottobre, Mario Mazza e i versi che descrivono la bellezza della stagione autunnale

L’autunno è ormai esploso e questa bellissima poesia, Ottobre di Mario Mazza, ne ricorda i contorni, le sfumature e i colori. Mario Mazza è stato un educatore, pedagogista e insegnante nato a Genova il 7 Giugno 1882. Laureatosi nel 1912 con una tesi su La pedagogia sperimentale, fin da giovane, percepisce la sua vocazione educativa. Si impegna a diffondere lo scoutismo in Italia e, nel 1905, fonda a Genova  l’associazione Juventus Juvat, proponendosi di offrire alla gioventù un ambiente di formazione sano e stimolante sia a livello professionale che didattico. Tale istituzione anticipa di qualche anno alcune idee del metodo Scout di Robert Baden-Powell, educatore e scrittore britannico. Ecco, di seguito, Ottobre di Maria Mazza, un componimento dallo stile melodioso a rima baciata che lo rende adatto alla lettura per i più piccoli:

Il rovo ha le foglie porporine,
nel bosco mezzo verde e mezzo giallo,
e il cespo delle rose, tutto spine,
risplende con le bacche di corallo.

È il tempo che il castagno dia il suo frutto,
fischiano i merli, zirlano i fringuelli,
e il contadino, che raccoglie tutto,
empie di pere e mele i suoi cestelli.

È il tempo, che ogni frutto si matura:
nel bosco i funghi, il mosto alla cantina;
e, piena di fragranza, l’aria pura
è fresca a sera, fresca la mattina.

Ottobre, il mese in cui la natura dona i suoi frutti

Nella prima strofa di Ottobre, Mario Mazza descrive il sopraggiungere di questo mese, iniziando dai colori che, per eccellenza, lo contraddistinguono; il rovo tinge le sue foglie di porpora, mentre il bosco è diviso dal verde pallido e il giallo, tipica sfumatura di questa stagione; il cespuglio delle rose è ormai rinsecchito e, al posto delle spine, rifulgono le bacche rosso corallo. Nella seconda strofa di Ottobre di Mario Mazza, altri elementi tipici della stagione autunnale: l’albero di castagne dona i suoi frutti mentre, nell’aria, si effondono gli zirli dei fringuelli e il canto dei merli. Il contadino, intanto, riempie il suo cesto con i frutti tipici del periodo: le mele e le pere. Ottobre è il mese in cui l’aria è più fresca e profumata; ma, soprattutto, dove ogni frutto è al culmine della sua maturazione; il bosco dona i funghi e le cantine le fragranze del mosto.

Stella Grillo

Seguici su FacebookInstagram e Metrò

Adv
Adv

Stella Grillo

Io sono ancora di quelli che credono, con Croce, che di un autore contano solo le opere. (Quando contano, naturalmente.) Perciò dati biografici non ne do, o li do falsi, o comunque cerco sempre di cambiarli da una volta all'altra. Mi chieda pure quello che vuol sapere e glielo dirò. Ma non le dirò mai la verità, di questo può star sicura. Italo Calvino
Adv
Back to top button