Paola Turci, a distanza di due anni torna all’ Auditorium Parco Della Musica, dove ha presentato in anteprima il suo Viva Da Morire Tour, dopo il live tenutosi lo scorso 13 maggio al Teatro Degli Arcimboldi Di Milano.

L’opening act è Mafalda, giovane artista che si presenta sul palco accompagnata da batteria ed un tastiere/synth. Indossa un tailleura righe biancoazzurre e che catapulta la Santa Cecilia nel pre show in atmosfere elettropop che ricordano la nostra Francesca Michielin, il tutto ciò contornato da una potente voce.


Paola Turci Ph © Andrea Stevoli

.
L’ attesa termina quando su uno sfondo di luci gialle Paola Turci appare sull’intro scandita dal battito delle mani de L‘Arte Di Ricominciare. Segue l’ultimo singolo estratto dall’omonimo album, Viva Da Morire, che fa esplodere il pubblico, merito del grande successo radiofonico. Si ritorna al passato, quello un po’ più recente de La Vita Che Ho Deciso, estratto da Il Secondo Cuore del 2017.

È bello è forte ed emozionante suonare qui, sono felice di essere a casa, nella casa che mi accoglie ogni voltaQui a Roma ho due case…“ Si riferisce anche alla Casa Delle Donne (polo attivo culturalmente e politicamente da quasi trent’anni, adattato poi come spazio per le donne,ndr)….”È un luogo che non ha frontiere, preludio ad una storia raccontata sul finire degli anni ’80“. Questa storia è raccontata in uno dei brani storici della Turci, Frontiera, che stasera sfoggia il suo arrangiamento originale. Continua la veste rock dello show, con Mani Giunte, estratto da Questa Parte Di Mondo del 2002.

Si cambia registro sulle note inziali di Volo Così, dove la voce di Paola è accompagnata dalla delicatezza della chitarra acustica di Fernando Pantini, che sfocia nella seconda parte in un muro di suono costruito insieme al resto della band: Pierpaolo Ranieri al basso, Roberto Procaccini alle tastiere, Fabrizio Fratepietro alla batteria.


Primo cambio d’abito e si ritorna al look di Sanremo, tailleur blu scuro glitterato per Offline e Piccola , perla che fa parte dell’ultimo album. La Turci propone a seguire L’Uomo Di Ieri, Ringrazio Dio, che sfuma sul finale per trasoformarsi nella cover di Modugno inserita in Attraversami Il Cuore: Dio Come Ti Amo, siamo all’apice della serata.

Paola Turci Ph © Andrea Stevoli
Paola Turci Ph © Andrea Stevoli

Sul palco arriva un ospite, Beppe Fiorello, per ricomporre la coppia della serata sanremese 2019 su LUltimo Ostacolo.
Irrompe Io e Maria brano del repertorio 90s della Turc,i cucito su arrangiamento rock, tra i migliori momenti di questo live. Per l’encore finale si apre con un’altra cover Un’Emozione Da Poco, Fatti Bella Per Te, l’immancabile Bambini , la dolcezza della ballad Attraversami Il Cuore, Ti Ameró Lo Stesso, ed un grande classico, Questione Di Sguardi. Ottima scelta per la setlist, la rilettura delle tracce in chiave rock è il quid che fa guadagnare moltissimi punti, ad un live che la cantautrice romana porterà nei teatri italiani a partire dal 12 novembre.

La nostre immagini sono a cura di © Andrea Stevoli