Attualità

Papa Francesco contrario alle nozze gay e all’aborto: “È omicidio”

Di ritorno dal suo viaggio a Budapest e a Bratislava, Papa Francesco si è intrattenuto con i giornalisti. Nel corso dell’intervista ha affrontato varie tematiche, anche delicate come la questione dei “matrimoni gay” o l’aborto dichiarandosi contrario. “E’ omicidio” ha detto.

Papa Francesco si dichiara contrario all’aborto

Papa Francesco, di ritorno dalla Bratislava, è stato intervistato dai giornalisti, al quale hanno chiesto di pronunciarsi su varie tematiche anche piuttosto delicate come l’aborto.

Alla richiesta di esporre la sua opinione sul tema, il Papa ha risposto senza mezze misure, ribadendo per prima cosa che: “l’aborto è più che un problema, è un omicidio”

“Nei libri di embriologia alla terza settimana del concepimento tutti gli organi sono già formati. È una vita umana e va rispettata. Principio chiaro. E a chi non lo capisce farei due domande: è giusto uccidere una vita umana per risolvere un problema? È giusto affittare un sicario per risolvere un problema? Scientificamente è una vita umana. E per questo la Chiesa è così dura su questo argomento, perché se accettasse questo, è come se accettasse l’omicidio quotidiano. Mi diceva un capo di Stato che il calo demografico è cominciato perché in quegli anni c’è stata una legge sull’aborto così forte che hanno fatto sei milioni di aborti e questo ha lasciato un calo di nascite nella società di quel Paese.”

Sulla questione pastorale, ovvero sul rifiuto di alcuni vescovi di concedere la comunione ai politici, che sostengono la possibilità di scelta delle donne ha detto:

“La comunione non è un premio per i perfetti. È un dono, la presenza di Gesù nella sua Chiesa e nella comunità. Coloro che non stanno nella comunità non possono fare la comunione. Ma questa non è una pena. E il problema non è tanto teologico ma pastorale. E se vediamo la storia della Chiesa, ogni volta che i vescovi hanno gestito un problema non come pastori, si sono schierati sul piano politico. Il pastore deve fare il pastore e non andare condannando, perché è anche pastore dello scomunicato. Bisogna essere pastore con lo stile di Dio, che è vicinanza, compassione e tenerezza. Tutta la Bibbia lo dice”.

Ha poi precisato di non voler entrare nello specifico del caso degli Usa, dato che non conosce bene la situazione.

Papa Francesco, si è anche pronunciato sulla questione dei matrimoni gay

Interrogato poi sulla questione dei matrimoni gay, il Papa ha ricordato di essere stato chiaro anche in passato.

Il matrimonio è un sacramento e la Chiesa non ha il potere di cambiare i sacramenti così come il Signore li ha istituiti. Ma ci sono leggi che cercano di aiutare la situazione di tanta gente di orientamento sessuale diverso. È importante che vengano aiutati, ma senza imporre cose che per la loro natura nella Chiesa non vanno“.

“Se una coppia omosessuale vuole condurre la vita insieme, gli Stati hanno possibilità civilmente di sostenerli, di dargli sicurezza di eredità, di salute. I francesi hanno una legge su questo non solo per gli omosessuali, ma per tutti coloro che vogliono associarsi. Ma il matrimonio è matrimonio, è l’unione tra un uomo e una donna“.

Questo non vuol dire condannare gli omosessuali. Sono nostri fratelli e sorelle e dobbiamo accompagnarli. Bisogna rispettare tutti, il Signore vuole salvare tutti, ma per favore non fare che la Chiesa rinneghi la sua verità. Tanti omosessuali si accostano al sacramento della penitenza, per chiedere consiglio ai sacerdoti, la Chiesa li aiuta ad andare avanti nella propria vita”.

Adv
Adv
Back to top button