Cultura

Pasqua e arte: viaggio tra i temi e le iconografie cristiane

Pasqua e arte: L’arte sacra da sempre veicola una serie di tematiche che costituiscono dei fondamenti della vita comune di tutto l’occidente. La narrazione artistica contiene degli importanti momenti della crescita personale di ogni essere umano. Fin dall’istituzione della ricorrenza della Pasqua, nei primi secoli del cristianesimo, ogni celebrazione ha sempre avuto un carattere molto conviviale e questo per ricollegarsi al concetto di “trasmissione delle volontà” che può essere esemplificata nella famosa frase “Fate questo in memoria di me”.

Pasqua e arte: i temi e le iconografie dell’Ultima cena

La principale conseguenza della già citata convivialità è proprio il rinsaldarsi dei legami interpersonali e degli intenti comuni. Questa idea viene resa splendidamente nel celebre affresco di LeonardoL’ultima cena” (1494). Tra i numerosi artisti che hanno nei secoli affrontato questo tema vi è Caravaggio con le due versioni della “Cena in Emmaus” (1601; 1606). Qui a differenza dell’opera di Leonardo dove Cristo sembra salutare serenamente i propri discepoli, il Maestro assume dei tratti tormentati a causa delle numerose prove che nella vita ha già sostenuto e conscio di quelle che dovrà a breve sostenere.

L’iconografia dell’ultima cena rispecchia così gli aspetti sociali di questa ricorrenza che permangono ancora nelle festività attuali ove è usuale riunirsi e festeggiare.

Pasqua e arte, temi e iconografie della Deposizione

Un altro tema importante è descritto per esempio da Raffaello nella “Deposizione Borghese” (1507), cioè la discesa del corpo di Cristo dalla croce. Si tratta del tema della perdita, della separazione, nonché dell’affetto filiale, magistralmente reso dallo strazio della madre di Cristo di fronte al corpo esanime del figlio. La coralità, evocata dai molti personaggi che circondano Cristo richiama idealmente alcuni dei valori fondativi della società italiana e occidentale che sono la famiglia e la cerchia sociale che la circondano che anche al giorno d’oggi costituiscono uno dei principali referenti culturali a cui l’uomo fa riferimento.

Altre opere di altre epoche ci dimostrano come il senso della ricorrenza si sia mantenuto molto più autentico anche rispetto ad altre feste, come il Natale o altre feste importate. È il caso della Deposizione di Benedetto Antelami, bassorilievo marmoreo conservato nella cattedrale di Parma e datato al 1178. Anche qui ritroviamo il senso della coralità e della famiglia, rappresentata dalle figure delle tre Marie, oltre ad elementi soprannaturali raffigurati come gli angeli.

Pasqua e arte, deposizione di Benedetto Antelami - Credits: wikipedia
Pasqua e arte, deposizione di Benedetto Antelami – Credits: wikipedia

Il senso di autenticità trasmesso dalla Pasqua si esplicita quindi nella condizione umana delle genti di stare insieme nei momenti di dolore come in quelli lieti.

O sepolcro, tu non tenerlo più a lungo; la morte è forte, ma la vita è più forte. Più forte del buio è la luce; Più forte del male, è la giustizia…” (Phillips Brooks)

I temi e le iconografie della Resurrezione

Nella resurrezione dei defunti noi nutriamo una fede, tramite la quale siamo cristiani. Ciò siamo tenuti a credere in base alla verità, rivelata dalla divinità.  Ma il volgo irride tale credenza reputando che nulla sussista dopo la morte” (Tertulliano)

La Resurrezione rappresenta per il Cristianesimo l’elemento cardine, attorno a cui si legano l’identità religiosa, le prassi liturgiche e molti elementi culturali della vita individuale e collettiva che ha caratterizzato l’Occidente cristiano.

Il Cristo che glorioso esce dal suo sarcofago di Piero della Francesca (1460 ca.) per esempio veicola i temi, da sempre cari all’essere umano, della sconfitta della morte e dell’immortalità dell’anima. Cristo, metafora dell’uomo, vince non solo la vita nei suoi aspetti più deteriori -il tradimento di Giuda e il rinnegamento di Pietro- ma persino la morte. In questi termini la Resurrezione assomiglia molto a un Rinascimento oppure ad un Risorgimento, infatti l’immagine di Cristo risorto ha una fortuna imperitura.

Pasqua e arte, Piero della Francesca - Credits: wikipedia
Pasqua e arte, Piero della Francesca – Credits: wikipedia

Nell’iconografia della Resurrezione è dunque possibile rintracciare i temi più intimistici della natura umana, ma anche quelli necessariamente legati alle sue paure: la volontà di sconfiggere la morte e il desiderio di tornare dai propri cari.

I percorsi tematici e iconografici delle immagini pasquali possono in sintesi essere letti come il percorso della collettività nell’ambito del sistema sociale e dei suoi valori e come il cammino dell’individuo attraverso la costruzione delle fondamenta dei suoi referenti valoriali nonché delle sue aspirazioni e delle sue paure.

Back to top button