Pippo Baudo, torna sugli schermi il signore della televisione italiana

Foto dell'autore

Di Stella Grillo

Pippo Baudo, fra i più blasonati signori della televisione italiana per eccellenza, torna in tv: sarà giudice del talent di Maria De Filippi, Amici 20.

Pippo Baudo, simbolo per eccellenza della televisione italiana

Il volto storico della Tv italiana sarà giudice del talent di Maria De Filippi Amici 20, in cui avrà l’incarico di assegnare l’ambito premio Tim. Ma chi è Pippo Baudo? Nato a Militello in Val di Catania il 7 giugno 1936, Pippo Baudo, dopo la laurea in Giurisprudenza nel 1959, approda a Roma nel 1960. Esordisce come conduttore televisivo in Guida degli emigranti e Primo piano. Il successo, però, arriva nel 1966 con Settevoci, programma musicale in onda la domenica pomeriggio. Nel 1968 gli assegnano la conduzione del Festival di Sanremo; un ruolo ostico poiché, suo compito, sarà quello di riuscire a superare il dramma della morte di Luigi Tenco, avvenuto l’anno precedente, il 27 gennaio 1967. Nel 1972 appare in teatro con Sandra Mondaini e, successivamente, conduce la prima edizione di Canzonissima con Loretta Goggi. Seguono altri programmi storici: il successo di Pippo Baudo cresce in modo esponenziale. Dal 1979 al 1985 presenta Domenica in, mentre, dal 1984 al 1986 conduce il varietà del sabato sera Fantastico.

Dalla Rai alle reti Fininvest

Dopo un periodo al culmine del successo, nel 1987 , Pippo Baudo decide di lasciare le reti Rai: passerà alla Fininvest come direttore artistico. Una permanenza che durerà solo un anno, per poi ritornare sugli schermi che videro nascere la sua fama. Su RaiDue torna con Serata d’onore mentre, su RaiTre, va in onda Uno su cento. Nel 1990 è nuovamente su RaiUno con Fantastico. Per Pippo Baudo, simbolo della tv italiana per eccellenza, si prospetta un decennio di copiosi successi: nel 1991 approda con Varietà e Domenica in; nel 1992 Partita doppia, C’era due volte nel 1993, nel 1994 Numero Uno, Tutti a casa e Luna Park. L’anno successivo è la volta di Papaveri e papere e, nel 1996, Mille lire al mese.

Pippo Baudo - Photo Credits: gds.it
Pippo Baudo – Photo Credits: gds.it

É il 1998 quando torna, nuovamente, sulle reti Mediaset con La canzone del secolo, programma sulla storia della musica italiana. Pippo Baudo è anche l’emblema per eccellenza del Festival di Sanremo: dopo aver condotto svariate edizioni, nel 1994 assume il ruolo di Direttore artistico del Festival della canzone italiana. Nel 2000 il grande successo di “Novecento – Giorno dopo giorno”, un programma dove eventi caratterizzanti il Novecento sono testimoniati in studio da protagonisti d’eccezione. Con la conduzione del Festival di Sanremo 2008 arriva al record di 13 edizioni, superando le 11 di Mike Bongiorno.

Pippo Baudo, talent-scout di successo e paroliere

Il conduttore per eccellenza della televisione italiana è noto anche per il suo intuito nella scoperta di nuovi talenti: nel tempo, infatti, lancia numerose personalità del mondo dello spettacolo. Nell’edizione di Fantastico del 1985, è la volta della ballerina Lorella Cuccarini. Successivamente, seguiranno personaggi come Heather Parisi, Beppe Grillo, Tullio Solenghi, Eros Ramazzotti, Barbara D’Urso, Laura Pausini, Irene Grandi, Michelle Hunziker e tanti altri volti noti dello spettacolo. A questo proposito, vista la mole di persone introdotte nel mondo della tv, durante alcuni eventi, spettacoli o vignette si è soliti, parodisticamente, fargli pronunciare la frase “L’ho inventato io…” in riferimento al successo di tanti attori, soubrette, comici e cantanti che ha lanciato nel corso degli anni. Pippo Baudo, inoltre, è anche un paroliere: il volto storico della tv italiana ha scritto  “Donna Rosa” (1968), cantata da Nino Ferrer e Nino Taranto; “Una domenica così” (1967) cantata da Gianni Morandi, “ W le donne” (1968), cantata da Nino Manfredi, ”La Tartaruga” cantata da Bruno Lauzi e ”Isotta” di Pippo Franco.

Vita privata

Pippo Baudo ha due figli: Alessandro nato nel 1962 , avuto da Mirella Adinolfi, e riconosciuto solo nel 1996 , e Tiziana, attualmente sua assistente, nata nel 1970 dal matrimonio con Angela Lippi. È nonno di Nicholas e Nicole gemelli, figli di Tiziana, nati nel 2010 e di Sean nato nel 1990 da Alessandro che, sempre nel 2010, lo ha reso bisnonno. Vive a Roma da molto tempo; dopo la relazione con Alida Chelli durata sette anni, e una breve con Adriana Russo, si sposa in seconde nozze con Katia Ricciarelli, cantante lirica italiana: è il 18 gennaio 1986. Si separeranno nel 2004.

Foto in copertina: Pippo Baudo – Photo Credits: ilovepalermocalcio.com