Il Primo Maggio 2020 lo ricorderemo, perché chi vi scrive come moltissimi addetti ai lavori lo facendo da casa e non come di consueto dall’area stampa di Piazza San Giovanni con un bicchiere di vino e nelle orecchie i volumi che rimbombano ed animano la piazza della capitale, centro nevralgico musicale. E’ si sente la mancanza di quel brusio, di cori, delle spinte e della pioggia fitta che ad un certo punto deve arrivare, eh si perchè anche lei fa parte della tradizione della giornata.

Fa un certo effetto vedere la piazza vuota ed Ambra in collegamento visibilmente commossa aprire la diretta con queste parole:

Tutti abbiamo lo stesso desiderio, quello di ripartire. Questa piazza vuota ci ricorda che ogni ipotesi di futuro non può fare a meno del lavoro, dei diritti e delle tutele. Questa piazza ha sempre avuto il compito di proteggere quelli che non ci stanno

Ambra conduttrice del Primo Maggio 2020 Ph © Cosimo Buccolieri
Ambra Ph © Cosimo Buccolieri

Primo Maggio 2020, l’apertura

L’apertura è affidata a Gianna Nannini dalla terrazza Martini che sovrasta una Milano baciata dal tramonto con un set piano e voce che inizia con Notti Senza Cuore, per poi proseguire con Donne In Amore e Meravigliosa Creatura. Un minilive emozionante che culmina con l’abbraccio di Gianna alla città. Si ritorna nella capitale con Alex Britti dal palco dell’Auditorium Parco Della Musica con il blues di “7mila caffè” seguito da Francesco Gabbani. E si riparte verso Bologna dove Lo Stato Sociale si esibisce con Una Vita In Vacanza in una Piazza Maggiore deserta, rendendo omaggio anche ai Camillas.

E’ il turno di Aiello con un outfit degno di Mahmood e che aggiunge colore con Arsenico, in una versione latineggiante, seguito da Dov’è de Le Vibrazioni. La Canzone Che Se Ne Va, il nuovo singolo regalato dalla casa emiliana di Zucchero, per poi passare da Bassano Del Grappa dove Francesca Michielin propone Cheyenne per piano e voce. E’ il turno di Fasma secondo classificato a Sanremo Giovani con Per sentirmi vivo per poi cedere il testimone ad Edoardo Bennato con L’Isola Che Non C’è ed il duetto con il fratello Eugenio.

Lo Stato Sociale in Piazza Maggiore a Bologna per il Primo Maggio 2020 - Immagine Rai
Lo Stato Sociale in Piazza Maggiore a Bologna per il Primo Maggio 2020 – Immagine Rai

Primo Maggio 2020: i grandi ospiti

Da Firenze, più precisamente Piazza Della Signoria, Irene Grandi canta La Cometa Di Halley e Finalmente Io per ritornare nella capitale con Tosca che reinterpreta Bella Ciao e la sanremese Ho Amato Tutto. Ermal Meta presenta il suo nuovo singolo, Finirà Bene. Uno dei momenti che ricorderemo di questo Primo Maggio 2020 è il duetto tra Bugo e Nicola Savino per Sincero. Irrompe la sacerdotessa del rock, Patti Smith con Grateful seguita da Niccolò Fabi che dal palco dell’Auditorium sfodera Una Buona Idea e Costruire. Si rimane sempre nella capitale con Luca Barbarossa e Paolo Fresu.

Da Londra in collegamento uno degli ospiti più attesi Sting, saluta e lascia un messaggio sfoderando un ottimo italiano, prima di eseguire Don’t Stand So Close To Me

Ciao a tutti oggi vorrei celebrare tutti i lavoratori d’Italia, i guidatori dei bus e dei treni, i postini, i fattori, i trasportatori, i maestri di scuola e specialmente tutti nostri infermieri e personale medico, bravissimi tutti!

Sting al Primo Maggio 2020 - immagine Rai
Sting al Primo Maggio 2020 – immagine Rai

e dedica al nostro paese Empty Chair. Dall’Auditorium Noemi con Sono Solo Parole e Vuoto A Perdere. Il vincitore di Sanremo Giovani, Leo Gassman e Fabrizio Moro con Pace e Portami Via. Rimaniamo a Roma con Rocco Papaleo che interpreta Azzurro e Margherita Vicario con Mandela. E’ il momento di annunciare il vincitore di 1MNext: è Nervi con Sapessi che cos’ho.

Dal Museo Del Novecento di Milano, Dardust si esibisce al piano con Lost And Found. L’Orchestra di Santa Cecilia si riunisce per un omaggio al Maestro Morricone. Il gran finale è di Alex Britti che da Piazza San Giovanni chiude questa edizione virtuale del Primo Maggio con Hey Joe. Cala il sipario sull’Auditorium ed il Teatro Delle Vittorie, con Ambra che ci lascia con la promessa che nel 2021 ritornerà sul palco del Concertone per cantare Ti Appartengo.

Seguici su

Facebook

Metropolitan Music

Instagram

Twitter

© RIPRODUZIONE RISERVATA