Attualità

Putin sarà presente al G20 in Indonesia a novembre

Putin sarà ufficialmente presente al prossimo G20 che si terrà sull’isola di Bali, in Indonesia, dal 15 al 16 novembre 2022. A comunicarlo dal Cremlino è il consigliere presidenziale russo Yuri Ushakov. Von der Leyen: “Dobbiamo pensare molto bene se vogliamo paralizzare il G20. Io non sono per questa opzione”

Vladimir Putin sarà presente al prossimo G20, lo annuncia il consigliere presidenziale

Putin G20 - Photo Credits rainews.it
Photo Credits rainews.it

La presenza di Vladimir Putin al prossimo G20 è ufficiale. Il presidente russo sarà presente al prossimo incontro del Gruppo dei Venti che si terrà sull’isola di Bali, in Indonesia, dal 15 al 16 novembre 2022. La notizia è stata comunicata dal consigliere presidenziale russo Yuri Ushakov. È così che comunica dal Cremlino la partecipazione di Putin:

“Abbiamo ricevuto un invito ufficiale, che è molto importante dato che gli indonesiani sono sotto pressione da parte dei Paesi occidentali interessati. […] Ma il nostro presidente ha ricevuto un invito, e abbiamo risposto positivamente, dicendo che siamo interessati a partecipare”.

La presidente della Commissione Europea, Ursola Von dei Leyen ha anche affermato che il G20 sarebbe troppo importante per i paesi emergenti per lasciare che la presenza di Putin cancelli l’incontro. È stato infatti ipotizzato un annullamento del G20 a causa del presidente russo, ma Von der Leyen replica che è più importante poter affrontare un dialogo con Putin, dicendogli “cosa pensiamo di lui e del suo modo di agire, guardandolo in faccia”

La fondazione del Gruppo dei Venti e il prossimo incontro in Indonesia

Il prossimo G20 sarà significativo perché si terrà proprio in Indonesia, un luogo simbolo della fondazione del Gruppo dei Venti. Il G20 infatti venne fondato tra il 1997 e il 1998 a seguito della crisi asiatica che colpì in maniera significativa l’Indonesia. Lo scopo era quindi quello di creare un gruppo di Ministri delle Finanze e Governatori delle Banche Centrali per poter aver un coordinamento tra i paesi sviluppati e quelli emergenti. Tra il 15 e il 16 novembre quindi la discussione che verterà sui paesi emergenti avrà un peso ancora più importante, conoscendo la storia della fondazione del G20.

Camilla Tecchio

Seguici su Google News

Adv

Related Articles

Back to top button