Cinema

“Quel che resta del giorno”: la raffinatezza del cinema di James Ivory

Stasera in tv su La7Quel che resta del giorno“, un ritratto della nobiltà inglese ma con il marchio di fabbrica del regista James Ivory. È un film del 1993 tratto dal romanzo omonimo di Kazuo Ishiguro (1989). Alla 66ª edizione degli Oscar, venne candidato ad otto premi (tra cui miglior film) ed ha una delle migliori interpretazioni di Anthony Hopkins ed Emma Thompson. Scopriamo qualcosa in più su questa rinomata pellicola.

Il film parla di sacrificio, emozioni mai espresse, sguardi e rimpianti. Ambientato nell’Inghilterra del 1930 il maggiordomo Mr. Stevens (Hopkins) per trent’anni ha servito con cieca fedeltà a costo della sua felicità, Lord Darlington, ed ora tra i flashback fa un bilancio dei momenti più significativi della sua vita, ricordando con rimpianto l’amore provato verso Miss Kenton (Thompson).

Un approfondimento sul film “Quel che resta del giorno”

Numerosi sono gli eventi che si snodano nel corso del film tra cui il periodo bellico analizzando la guerra e uno dei periodi più atroci di tutto il Novecento. È interessante lo sguardo che il regista indirizza su quest’evento storico che viene rappresentato non tramite il popolo, né l’esercito o i soldati, ma attraverso un maggiordomo che guarda il mondo dalla finestra di una villa dalle stanze della servitù.

È un film che gioca sicuramente sulla sottrazione, si carica di una forte potenza emotiva incarnata dalla storia d’amore mai nata tra i due protagonisti. L’eleganza del cinema di James Ivory emerge molto chiaramente da questa pellicola che riesce ad essere emotivamente forte ma allo stesso tempo delicata, i cui personaggi ne sono la più forte espressione. Soprattutto in Mr Stevens, un uomo che appare impassibile, quasi disumanizzato, in grado di riuscire a mascherare con freddezza i suoi sentimenti. Solo alla fine della sua vita però si renderà conto che l’unica cosa che gli rimane ora è il vuoto e la struggente sensazione di aver evitato ogni emozione.

Francesca Agnoletto

Francesca Agnoletto

Francesca Agnoletto è scrittrice, articolista, videomaker e laureata al Dams all'Università di Padova. Gli studi le hanno fornito un'ottima conoscenza in ambito cinematografico, argomento d'interesse di cui si occupa nei suoi articoli.
Back to top button