“Qui rido io” | Ciak per Mario Martone

Foto dell'autore

Di Redazione Metropolitan

Iniziate le riprese di “Qui rido io” per la regia di Mario Martone su Eduardo Scarpetta, padre del teatro napoletano.

I figli d’arte sono una costante nel mondo dello spettacolo, un riciclo continuo di professionisti surrogati che costantemente lotta per la scissione professional-patriarcale. Pochi riescono ad eclissare il padre, alcuni lo affiancano, altri perdono amaramente ma di certo è che questa tradizione ereditaria, geneticamente continuerà imperterrita a diffondere talenti e meteore. Il figlio d’arte par excellence, per molti ignoto per questa sua peculiarità, è Eduardo De Filippo e con lui il fratello Peppino e con lui la sorella Titina, attori cardine della recitazione partenopea, figli dell’innovatore della commedia teatrale napoletana Eduardo Scarpetta. Mario Martone ha iniziato a Roma al teatro Valle le riprese del suo nuovo film su questa figura mistica e mistificata, “Qui rido io”.

Mario Martone regista di "Qui rido io" foto dal web. Qui rido io
Mario Martone regista di “Qui rido io” foto dal web

Eduardo Scarpetta, tombeur de femme, aveva già moglie e figli quando concepì con la nipote della consorte la seconda figliata che prenderà il cognome della madre, appunto De Filippo. I primi e i secondi si sono succeduti e incontrati nelle produzioni teatrali del comune padre, ma solo i figli dell’incesto hanno accompagnato la storia. Le riprese iniziano dalla consacrazione avvenuto col debutto della commedia “Miseria e nobiltà”, poi ripresa da Totò nel famoso film, al giàdetto teatro romano nel milleottocentottantanove. Ad interpretare il teatrante in “Qui rido io” è Toni Servillo, e chi altro sennò, che sarà affiancato da Maria Nazionale, Cristiana Dell’Anna, Antonia Truppo, Paolo Pierobon, Roberto De Francesco, Gianfelice Imparato e Iaia Forte.

ni Servillo protagonista doi "Qui rido io" foto dal web. Qui rido io
Toni Servillo protagonista doi “Qui rido io” foto dal web

“Qui rido io” di Martone, un’altra produzione che si affida al racconto biografico che il cinema italiano sta ultimamente riscoprendo e sfruttando fin adesso con degni risultati.