Attualità

Reddito di cittadinanza, denunciate 15 persone irregolari

Sin dalla sua entrata in vigore, il reddito di cittadinanza ha fatto ampiamente discutere. In tanti, politici e cittadini, si sono scagliati contro la misura di sostegno economico proposta dal Movimento 5 Stelle, il quale, però, ne ha poi ottenuto l’approvazione. Tra le recriminazioni fatte al provvedimento, ci sono la sua presunta discrezionalità nella concessione degli aiuti e la facilità con cui i suoi requisiti di idoneità possano essere elusi. Basti pensare alle migliaia di italiani che ne hanno beneficiato (e continuano a beneficiarne) pur non rientrando nei canoni prestabiliti dalla legge. E tra questi, stando a quanto riporta l’Ansa, ci sarebbero anche 15 persone del materano, che nelle scorse ore sono state scoperte dalle autorità e opportunamente denunciate.

Un pensionato con immobili per 1 milione di euro tra gli irregolari del reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è una forma particolare di sussidio monetario istituita nel 2019 e fortemente voluta dal partito ora guidato da Giuseppe Conte. Una sorta di assistenzialismo, insomma, al quale si può accedere solo se in possesso di determinate caratteristiche. Non a caso, esso viene concesso ai disoccupati, agli inoccupati e a chi ha una situazione finanziaria al di sotto di una certa soglia. Per di più, possono usufruirne solo coloro che rispettino, in seguito, determinati obblighi (ad esempio, l’iscrizione ad un centro d’impiego). Eppure, c’è sempre chi riesce a trovare degli escamotage per “scavalcare” i vincoli preposti.

A tal proposito la Compagnia di Policoro della Guardia di Finanza, comunica l’Ansa, ha scoperto ben 15 percipienti irregolari nella zona di Matera. Le Forze dell’Ordine hanno immediatamente provveduto a segnalarle e al momento sono in corso delle specifiche indagini sulla questione. Secondo i primi riscontri, due di loro avevano un reddito decisamente superiore al tetto stabilito nella normativa. Un’altra, invece, possedeva addirittura un patrimonio immobiliare del valore di 1 milione di euro non legalmente registrato. E infine, i restanti 12 sarebbero extracomunitari, i quali non rispetterebbero il periodo di residenza minimo necessario nel nostro Paese.

Per ora non si hanno maggiori informazioni a riguardo. Quel che è certo è che gli inquirenti stanno approfondendo le ricerche per scoprire qualcosa in più sugli indagati.

Scritto da Diego Lanuto.

Per rimanere aggiornato sulle ultime news, seguici su: Facebook, Instagram, Twitter.

Back to top button