Calcio

Amoruso e Bianchi, quando la Reggina eguagliò il Barcellona

Cosa accomuna la coppia Rolando Bianchi e Nicola Amoruso a Lionel Messi e Ronaldinho? La coppia italiana, che nella stagione 2006-2007 militava alla Reggina, fu in quell’anno la più prolifica d’Europa con 35 reti, superando stelle come Totti-Mancini, Mutu-Toni ed eguagliando i risultati due dei calciatori più forti di sempre: proprio Leo Messi e Ronaldinho.

La Reggina di Amoruso-Bianchi come il Barça di Messi e Ronaldinho

Per il calcio italiano, la stagione 2006-2007 fu estremamente particolare. Calciopoli era scoppiato da poco e molte furono le ripercussioni su numerose squadre, a partire dalla Juventus, retrocessa in Serie B. Le penalizzazioni, come detto, ricaddero anche su altre squadre, tra cui la Reggina dell’allora presidente Pasquale Foti, sulla cui panchina nel 2006-07 sedeva Walter Mazzarri.

Il secondo filone di indagini dell’agosto 2006 condannò gli amaranto a 15 punti di penalizzazione, poi ridotti a 11, e un’ammenda di 100 mila euro. La Reggina, che andava alla ricerca di un posto sicuro nella classifica di Serie A, dovette dunque fare i conti con una penalizzazione non da poco, che rischiava di mettere in pericolo la sua salvezza. L’unica squadra, tra quelle nella stagione 2006-07 in Serie A, ad aver subito una penalizzazione maggiore fu la Fiorentina, con un pesante -15.

Quella stagione, tuttavia, si rivelò una delle più belle di tutta la storia della Reggina. E se ciò accadde, il merito fu anche della coppia delle meraviglie Bianchi-Amoruso. Come ci ha ricordato Sky qualche giorno fa, i numeri 9 e 17 portarono gioie immense ai tifosi amaranto, già dal dolce-amaro della prima partita.

Infatti, il campionato non iniziò per il verso giusto: contro il Palermo arrivò una sconfitta per 4-3. La parte dolce della storia fu la tripletta di Rolando Bianchi, allora ventitreenne, alla Reggina dall’agosto 2005. La prima rete di Amoruso, con gli amaranto dall’ottobre 2005, arrivò il 15 ottobre 2006, alla 6^ giornata, nell’1-0 alla Roma. La “coppia delle meraviglie” segnò per la prima volta nella stessa partita all’8^ giornata, in un Reggina-Parma 3-2, dove Amoruso fece doppietta.

I due aiutarono davvero tanto gli amaranto a salvarsi. La loro stagione andò anche oltre le aspettative. La Reggina chiuse quell’annata al 14° posto con 40 punti (12 V, 15 N, 11 S), ad 1 punto dal 18° posto del Chievo. Se la penalizzazione non vi fosse stata, i loro punti sarebbero allora stati 51 e i ragazzi di mister Walter Mazzarri avrebbero concluso all’8° posto, a 3 punti dall’Empoli ammesso alla Coppa Uefa dell’anno successivo.

I loro goal e il loro post-amaranto

In quell’anno, come detto, i due fari di riferimento furono Bianchi e Amoruso che conclusero con, rispettivamente, 18 e 17 goal (per un totale di 35 goal), ben distanti dal 3° marcatore della squadra Pasquale Foggia (4 goal). La loro soddisfazione sarà sicuramente stata enorme, considerando che erano stati la coppia più prolifica d’Italia, anche davanti a Totti (miglior marcatore di quella stagione) e Mancini o Mutu e Toni.

Ancora più sorprendente fu il loro risultato in prospettiva europea. Gli unici due bomber riusciti ad eguagliare le meraviglie del duo granata sono stati Ronaldinho e Messi: non due principianti del calcio, ma due dei giocatori più forti di sempre, capaci di lasciare a bocca aperta tutti gli stadi in cui hanno messo piede.

La storia di Amoruso con la Reggina si interrompe nel 2008, dopo 3 stagioni, quando passa al Torino. A tuttoC.com ha recentemente dichiarato “Dopo un piccolo calo è uscito nuovamente lo spirito così come il cuore amaranto, arrivando così vittorie importanti”, a dimostrazione di come la Reggina faccia ancora parte del suo cuore. Rolando Bianchi, dopo la Reggina, fece un salto nel calcio inglese, quando nel luglio 2007 venne ingaggiato dal Manchester City per 13 milioni di euro, cifra più alta mai incassata dal club di Reggio fino a quel momento. Al City non ebbe però la fortuna sperata.

Seguici sulla pagina Il Calcio di Metropolitan

Back to top button