Gossip e TV

Renato Pozzetto, chi era la moglie Brunella Gubler: “L’amore della mia vita, fin da piccoli”

Renato Pozzetto ha amato la stessa donna per tutta la vita. L’attore e la moglue Brunella Gubler sono stati insieme per oltre cinquant’anni fino al dicembre del 2009 quando la donna è morta per cause che l’attore non ha mai ufficialmente rivelato. Ecco chi era Brunella Gubler, la moglie di Renato Pozzetto.

Renato Pozzetto e Brunella Gubler si sono incontrati da adolescenti sul Lago Maggiore. Avevano solo 16 anni, frequentavano la stessa comitiva e da allora non si sono mai lasciati. Nonostante lei e Pozzetto fossero sposati dal 1967, Brunella è rimasta sempre lontana dai riflettori del mondo dello spettacolo. La coppia ha avuto due figli, Giacomo e Francesca, che gli hanno dato cinque nipoti.

A raccontare particolari inediti sulla moglie è lo stesso Renato Pozzettoche in varie interviste ha descritto la sua Brunella come una donna molto spiritosa e che, a differenza del marito, non era attratta dal mondo dello spettacolo e del cinema in particolare. Per questo Brunella non ha mai accettato l’idea di trasferirsi a Roma ma ha preferito rimanere nella sua Milano, anche per rimanere vicina alla famiglia e in particolare alla madre. Brunella era talmente lontana dal mondo del cinema che non è mai stata vista sui set frequentati dal marito.

Renato Pozzetto ha raccontato che la moglie era una fumatrice accanita e questo ha spinto l’attore a fare da testimonial per una campagna per sensibilizzare le persone ai rischi legati al fumo. Brunella Gubler inoltre soffriva di depressione, malattia che la costringeva a stare in cura da molto tempo.

Brunella Gubler è morta nella notte tra la domenica e il lunedì del 21 dicembre 2009. La causa della morte non è stata rivelata ufficialmente, ma all’epoca i giornali parlarono di un infarto o di un ictus. Renato Pozzetto non ha mai voluto parlare della fine della moglie ma in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera ha rivelato che ogni notte si addormenta sperando di riuscire a sognarla: “Vorrei sognare mia moglie, non è mai successo“.

«Quando è morta mia moglie facevo teatro e sono andato avanti. Questo mi ha aiutato, ma le disgrazie rimangono e i ricordi sono tantissimi. Ho deciso di stare coi miei nipoti e di lenire così il dolore», raccontò l’attore da Barbara D’Urso. Brunella Gubler si è spenta pochi giorni prima di Natale: è morta nella notte tra il 20 e 21 dicembre 2009, lasciando un vuoto incolmabile nella sua famiglia. Dopo i funerali, che si sono svolti a Milano doveva viveva col marito Renato Pozzetto, è stata trasferita al cimitero di Gemonia, dove riposa nella tomba di famiglia. Pare che la vicinanza col Natale fosse un momento critico, che viveva in modo negativo, con angoscia. Per questo Renato Pozzetto le aveva assicurato che sarebbero stati insieme a Milano, anziché andare sul lago con la famiglia. «Ma ha avuto un tracollo improvviso: un infarto, forse un ictus». Dopo la tragedia, l’attore è diventato testimonial della campagna antifumo, visto che la moglie fumava: «Non dico che sia stata quella la causa della sua morte, ma non le faceva bene».

Adv
Adv
Back to top button