Games

Retronerd #8 – The Sims

Bentornati a un nuovo appuntamento con RetroNerd, la rubrica che vi porta indietro nel tempo. Questa volta parliamo di un titolo EA che ha fatto la storia: The Sims.

Chi non ha mai fatto una partita a uno dei giochi delle serie di The Sims? Da chi si impegna a costruire le case, a chi si ingegna per trovare modi sempre più fantasiosi per uccidere i poveri simmini, chiunque si è divertito alle prese con questo titolo. Riscopriamo insieme il primo storico capitolo.

Un po’ di storia…

The Sims è uno dei più famosi simulatori di vita al mondo. Al momento la saga conta di ben quattro giochi e molteplici espansioni e stuff pack.
Il primo titolo è stato sviluppato da EA in collaborazione con Maxis (in particolare col suo co-fondatore Will Wright) nel 2000 ed ha ottenuto un successo strepitoso.
Viene considerato il primo vero e proprio simulatore di vita, una vera rivoluzione per l’industria videoludica.
Veramente in molti hanno amato il gioco, tanto da farlo diventare il titolo per pc più venduto nel 2002!
Di anni ne sono passati, ma i fan della saga sono ancora moltissimi, aumentati sicuramente grazie all’arrivo dei sequel e dei tantissimi expansion pack che hanno contribuito a rendere ogni volta più interessante e ampio il gameplay.

The Sims Photo credit: web
The Sims Schermata di gioco – Photo credit: web

Gameplay

Le barre dei bisogni

Lo scopo del gioco è controllare la vita dei Sim, personaggi dei quali il giocatore si dovrà occupare. Aspetto molto importante di The Sims è sicuramente quello dei bisogni, rappresentati con delle barre da tenere sempre d’occhio per fare in mondo che i Sim siano il più possibile felici. Oltre ai parametri più ovvi come quelli della fame e dell’energia, bisognerà preoccuparsi anche della pulizia dell’ambiente in cui i Sim vivono e delle loro relazioni, facendogli stringere amicizie e trovare l’amore.

Il lavoro

Per mantenersi, i Sim devono ovviamente intraprendere una carriera, nella quale potranno progredire se acquisirà le abilità richieste e andrà a lavoro con un buono stato umorale (che, ovviamente, dipende dalle barre dei bisogni).
Il gioco base prevede 10 carriere, ma altre 10 possono essere aggiunte tramite le espansioni, di cui parleremo più avanti.

Come la vita vera…

I Sim possono quindi innamorarsi, sposarsi, avere figli e fare carriera proprio come nella vita vera!
Tra gli eventi che avvicinano il simulatore alla vita reale, caricando il giocatore di responsabilità, c’è l’arrivo degli assistenti sociali in caso i Sim trascurino i figli e la morte in caso di incidenti come incendi o annegamento in piscina.
La morte è rappresentata dal Tristo Mietitore, una figura simbolo della saga di The Sims, con il quale il giocatore può cercare di trattare per mantenere in vita i proprio personaggi.

The Sims Photo credit: web
The Sims, un incendio – Photo credit: web

Espansioni

Le espansioni sono uno degli aspetti più importanti di tutta la saga di The Sims, dato che rinnovano il gameplay e rendono il gioco decisamente più longevo e meno noioso.
Per il primo titolo ne uscirono ben 7, tutte importanti per rendere l’esperienza di gioco sempre più realistica.
Le espansioni partono dalla semplice aggiunta di oggetti a quella di nuovi quartieri, nuove carriere e così via.
Molte di queste sono state poi riprese anche per i titoli successivi, come “Superstar” e “Magie e Incantesimi“.
Venne anche ideato da Maxis e alcuni appassionati l’editor “The Sims Creator” che permetteva di personalizzare l’aspetto di tutti i personaggi.

The Sims Photo credit: web
The Sims: Cuccioli, che passione! – Photo credit: web

L’evoluzione

Come abbiamo già visto, la serie conta ad oggi ben 4 titoli, ognuno con i suoi miglioramenti, vediamoli insieme.

The Sims 2

Il secondo, ancora oggi amatissimo, capitolo della saga è stato pubblicato nel 2004.
Si passa dalla grafica mista 2D-3D a una grafica interamente in 3D.
In questo titolo aumentano le fasi della vita dei Sim da 2 a 6 e i personaggi possono finalmente crescere, cosa non possibile nel primo titolo.
Altra aggiunta sono le aspirazioni, ovvero gli obiettivi di vita dei Sim, e i desideri, voglie momentanee di compiere determinate azioni.
Anche per questo titolo le espansioni sono davvero tante, tra cui alcune delle più importanti e più amate dai giocatori.
Tra le espansioni più note abbiamo “University“, che permette ai Sim di frequentare l’università, e “Seasons“, che aggiunge al gameplay le stagioni, elemento decisamente di rilievo.

The Sims Photo credit web
The Sims 2 Schermata di gioco – Photo credit: web

The Sims 3

Il terzo gioco della serie è stato pubblicato nel 2009 e conta ben 20 espansioni.
Anche qui le aggiunte importanti sono diverse, come il miglioramento della personalizzazione dei Sim e la possibilità di visitare gli altri lotti, ma sono anche spariti degli elementi caratteristici del secondo gioco, come i ricordi e le paure.
C’è da dire, però, che alcuni aspetti del secondo capitolo non presenti nel gioco base sono stati aggiunti tramite le espansioni (ad esempio le malattie, introdotte con “Stagioni“).

The Sims Photo credit: web
The Sims 3 Schermata di gioco – Photo credit: web

The Sims 4

Questo è l’ultimo capitolo della saga (per ora), è stato pubblicato nel 2014 ed ha all’attivo 8 espansioni (una nona in arrivo) e numerosi game e stuff pack.
Le novità principali di questo titolo riguardano innanzitutto la modalità Crea un Sim, in cui il giocatore può andare addirittura a modellare ogni parte del corpo del suo Sim tramite il mouse.
Importante introduzione è quella dei tantissimi stati umorali, che permetteranno al Sim di compiere particolari interazioni a seconda di come si sentono.
In questo titolo tornano i tempi di caricamento durante gli spostamenti tra quartieri, non possiamo quindi più seguire il percorso dei nostri Sim, che nel terzo capitolo potevano addirittura possedere un mezzo.
Delle tantissime espansioni, molte sono riprese dai titoli precedenti come “Stagioni“, “Università” e “Cani & Gatti“.

The Sims Photo credit: web
The Sims 4 – Photo credit: web

Community

Una delle cose che rende The Sims una serie di giochi così longeva e amata è sicuramente la sua affezionatissima community, che si impegna continuamente a creare nuovi contenuti personalizzati scaricabili tramite la galleria del gioco.
Sono tantissimi i giocatori che acquistano tutte le espansioni e mettono le proprie opere a disposizione di tutti, come lotti o famiglie di Sim.
Per non parlare di chi online carica nuove acconciature, capi di abbigliamento, pezzi d’arredamento, decisamente utili se si vuole dare un aspetto nuovo e diverso al gioco.

Parlando dal cuore…

The Sims è una serie che mi resterà per sempre dentro, uno dei titoli che mi ha avvicinata ai videogiochi e in particolare ad uno dei generi che resterà per sempre tra i miei preferiti.
Tutti conoscono il suo nome, a praticamente tutti piace, perché il gioco offre così tanti aspetti che è difficile non incontri almeno un po’ i gusti di un qualsiasi giocatore.
Questa è una saga che probabilmente non mi stancherà mai, e a voi? Fateci sapere le vostre opinioni!

The Sims – Photo credit: web

RetroNerd torna la settimana prossima con un articolo della bravissima Pia Colucci!

Seguici su
InfoNerd
Instagram
Facebook

Adv

Federica Giorgi

Nata a Roma nel 1999. Studia Comunicazione, tecnologie e culture digitali alla Sapienza. Appassionata di cinema, serie tv, videogiochi, fumetti e tutto ciò che concerne l'universo Nerd.

Related Articles

Back to top button