Esteri

L’udienza di Patrick Zaki rinviata: rischia 5 anni di carcere

Patrick Zaki, studente dell’Università di Bologna accusato di aver diffuso notizie false sulle condizioni dei cristiani copti in Egitto è stato recentemente scarcerato, ma non ancora assolto. L’udienza di Patrick Zaki, prevista per oggi, è stata rinviata al prossimo 6 aprile. Si ipotizza che la Procura egiziana stia provando a prendere del tempo per giungere alla decisione finale.

Le accuse rivolte allo studente

L’udienza di Patrick Zaki si riferisce al suo arresto, avvenuto il 7 febbraio 2020, dovuto all’accusa di aver diffuso notizie false, oltre ad aver istigato alla violenza e ai crimini terroristici. L’accusa si riferiva ad alcuni post pubblicati sul suo account Facebook, da lui poi ritenuti falsi. Motivo cardine dell’arresto, erano però degli articoli in cui lo studente denunciava la condizione dei cristiani copti in Egitto, perseguitati dall’Isis e dalle frange estremiste della religione musulmana.

L’incontro doveva tenersi nell’aula del tribunale di Mansoura, e poco prima dell’incontro lo studente bolognese ha detto “non ho garanzie sulla decisione finale, in questi casi cerco sempre di restare ottimista. Naturalmente spero che vada bene”. Poi le modifiche: dopo 22 mesi in cui a ogni udienza si doveva stabilire o meno il rinnovo della detenzione cautelare, questa volta avrebbe potuto esserci una svolta definitiva verso la libertà del giovane, come aveva dichiarato la sua avvocata Hoda Nasrallah che però, non aveva escluso la possibilità di un rinvio.

Nei giorni passati Patrick Zaki ha annunciato di aver sostenuto l’ultimo esame della prima sessione del master che sta frequentando. La prova è stata svolta dall’Egitto, in modalità a distanza. Lo studente si dice impaziente di ritornare a Bologna, anche se non pensa di poter lasciare l’Egitto per sempre. Nonostante il rinvio, le parole di Zaki fanno trapelare una certa positività nei confronti dell’esito del processo. “Sono libero e sto bene”, ha dichiarato recentemente il giovane.

Michela Foglia

Seguici su Facebook

Back to top button