Robert Pattinson: Habemus Batman

Finalmente iniziamo a intravedere una certa “Oscurità” in fondo al tunnel per quanto riguarda il film stand alone su Batman. Dopo la notizia sullo script quasi concluso e sull’uscita della pellicola nel 2021, ieri è esplosa atomicamente sul web la voce ufficiosa su chi sarà il nuovo Bruce Wayne, Robert Pattinson, e la pazzia è dilagata…positivamente e negativamente.
Ma facciamo un recap di quel poco pochissimissimo che sappiamo su questa nuova opera dedicata Pipistrello di Gotham City.

Da ben quattro anni questo film di Batman sta facendo parlare di sé, da quando nel 2015 tutto il progetto fu dato in mano a BatAffleck, che non solo avrebbe rindossato mantello e cappuccio pipistrellosi, ma ne sarebbe stato regista e sceneggiatore insieme al caro Geoff Johns. L’uscita era prevista per il 2017, poi qualcosa andò storto…

Nelle varie interviste fatte ad Affleck, abbiamo appreso che l’attore non riusciva a creare una sceneggiatura all’altezza di quest’eroe, così dopo varie discussioni con la Warner Bros. decise di lasciare regia e script ad altri per concentrarsi solo su Bruce e sulle sue mille sfumature dark difficili da interpretare.
Poi il mondo iniziò a crollare intorno a Ben, si susseguirono una serie di problemi personali che lo hanno costretto ad appendere definitivamente il mantello a uno dei chiodi della BatCaverna.
Il suo “aver mollato” fu una grande delusione per me, perché dopo averlo criticato quando seppi che sarebbe stato lui il mio Bruce (Facebook e Twitter mi bloccarono per spam molesto quel giorno), mi sono completamente innamorata del suo/mio Batman. Ora, so che molti di voi lo hanno odiato, criticato, blastato in mille modi su internet, ma tra tutti i Cavalieri Oscuri visti e vissuti sul grande schermo, per me BatAffleck è stato l’unico che è riuscito a dare forma a quella melma oscura che Bruce si porta nel cuore, probabilmente perché anche Ben è pieno di ombre nel suo animo, quindi quest’affinità da tormentati lo ha aiutato molto.

Comunque, a lui subentra Matt Reeves, che ha una visione totalmente diversa sul Cavaliere Oscuro, non lo vuole già abbattuto dalla vita, anzi lo vuole giovane, rabbioso e attaccato ossessivamente al suo ambiguo senso di giustizia, così cancella tutto e si rimette a scrivere la sua personale storia.
Sono uscite mille voci su quali run e versioni di Batman ispirasse il regista in questa nuova avventura: “Batman Zero“, “Batman Uno“, “Arkham Asylum“…Ma Reeves in varie interviste ha affermato più volte che vuole qualcosa di originale, mai visto prima sul grande schermo, vuole il Batman Detective, lato fondamentale del supereroe che mai nessuno aveva approfondito nelle precedenti pellicole. Idea geniale, sempre per il mio poco obbiettivo parere da fangirl, perché il mio Bruce è questo, un’investigatore con un QI di 180 e dei nemici machiavellici difficili da catturare, poi ovviamente è anche un supereroe che combatte alieni con il suo gruppo di super-amici…però dopo.
Finalmente lo script è finito, o meglio mancano alcuni dettagli e levigature a detta di Reeves, ma sono pronti per iniziare le riprese e far uscire tutto il 25 giugno 2021 (il mese del mio compleanno, se non è un segno del destino questo!), ora manca solo il particolare principale, il volto di Bruce, chi si prenderà questo nero fardello sulle spalle?

I nomi sono stati tanti in questi mesi, Jake Gyllenhaal sembrava essere il favorito del regista, i due si sono incontrati spesso, ma non è mai confermato nulla e l’attore si è così trasformato in Mysterio, amico/nemico (ancora non si è capito) nella nuova pellicola di Spidey. Quindi via altri nomi si sono susseguiti per lo strano web, persino quello di Jon Hamm, fisicamente perfetto per interpretare Bruce ma troppo vecchio per l’idea che ha di lui Reeves. Poi quest’inverno un nome ha rimbombato più volte fra tutti: Robert Pattinson.
Iniziarono le prime lamentele misti ai primi urli di euforia, ma era solo un rumor, un desiderio espresso da un gruppetto di fans ad alta voce. Così altri nomi sono stati dati per certi: Nicholas Hoult, Armie Hammer e Aaron Taylor-Johnson, la gara al cappuccio nero era aperta e sanguinaria. Ieri invece, come un fulmine a ciel sereno, arriva la conferma che proprio Cedric Diggory o Edward Cullen, a secondo il fandom, sarà il mio nuovo Bruce Wayne.
Robert Pattinson ha vinto su tutti. Delirio. Coas. Lamenti. Giubilo. Follia. Stati su ogni social che ti prego Mark Zuckerberg liberaci tu.

Ovviamente ancora nulla è stato ufficializzato, soprattutto perché l’attore è attualmente impegnato con le riprese della nuova grande pellicola di Nolan prevista per il 17 luglio 2020, quindi è un attimino occupato.
Però tutti danno la notizia per certa e nessuno si è preso la briga di smentirla…

Robert Pattinson

Io cosa ne penso di tutto questo?
Bèh, Pattinson è un bravo attore, purtroppo con un bruttissimo passato recitativo alla spalle a cui non riesce a sfuggire: il vampiro che sbrilluccica. C’è da dire che però si è impegnato molto per uscire da questo buco di glitter in cui era caduto, ha fatto molti film di successo come “Come l’acqua per Elefanti” o “Good Time“, in cui ha dimostrato che non è solo un attoruncolo per adolescenti “arrapate” (posso scriverlo, sì?). Insomma, il ragazzo (che poi abbiamo la stessa età) ha le capacità per poter fare il mio Batman, soprattutto perché anche lui ha un animo devastato da mille delusioni e uno sguardo sempre oscurato, in linea con quello che io cerco negli attori che devono interpretare il mio Bruce. Certo, non ha ancora il fisico imponente e massiccio o l’altezza giusta, anche se i suoi 1,85m non sono pochi, ma presto verrà pompato così tanto che si trasformerà nella nuova Montagna di GoT, proprio com’è successo a Zachary Levi.
Quindi ogni lamentela su di lui è inutile prima di vederlo in azione tra i tetti di Gotham.

Robert Pattinson

Poi devo scrivere la cosa più importante, che io do per scontato, ma non è così: tralasciando le capacità attoriali di Pattinson che possono piacere o meno, tutto gira intorno alla storia scritta da Reeves, che se dovesse fare schifo, il caro Robert può pure sbattersi a fare un’interpretazione da Oscar, ma non sarà di certo lui a salvare la pellicola da un mare di cacca dei fans. Al contrario, se la storia dovesse essere epica e lui un Bruce tremendo, ricordiamoci di George Clooney o di Val Kilmer…e vi ho scritto tutto.
(Poi difficilmente può battere in bruttezza e in inutilità “Suicide Squad“, quindi state tutti calmini!)

Ora, scritto tutto questo, le riprese dovrebbero iniziare presto nonostante gli impegni di Robert Pattinson, quindi non ci resta che aspettare IN SILENZIO…

Tanti Pipistrellini a voi
Maria Francesca Focarelli Barone (BatMary)

© RIPRODUZIONE RISERVATA