Tennis

Roland Garros: avanza senza troppi patemi Berrettini. Impresa di Seppi

Si è concluso in maniera positiva il Day 3 del Roland Garros per i colori italiani. Nel pomeriggio, infatti, sono arrivate due vittorie a fronte di una sola sconfitta. Matteo Berrettini ha vinto abbastanza facilmente il proprio match d’esordio contro il giapponese Daniel ma la vera impresa di giornata è quella di Andreas Seppi, che ha battuto la testa di serie numero 20 Auger Aliassime. Nulla da fare invece per Salvatore Caruso, sorpreso dal tennista aussie James Duckworth.

Berrettini lascia un set per strada ma domina gli altri tre

Va avanti Matteo Berrettini. Il tennista romano ci ha messo quasi due ore e mezza per avere la meglio in quattro set del giocatore giapponese Taro Daniel (numero 113 ATP), già incontrato (e battuto) quest’anno nella semifinale del torneo di Belgrado 1. L’azzurro ha conquistato il match per 6-0 6-4 4-6 6-4 ed al prossimo turno affronterà da grandissimo favorito l’argentino Federico Coria, che ha sconfitto in tre set lo spagnolo Feliciano Lopez. Il numero 9 del mondo ha vinto un primo set senza storia in cui non ha lasciato alcun game al povero avversario. Nel secondo parziale c’è stata più partita a livello di punteggio, con il break decisivo che è arrivato solamente nel settimo gioco.

Matteo, tuttavia, al servizio è stato letteralmente devastante, concedendo appena due miseri punti al nipponico. Nel terzo è arrivata una bella reazione del tennista giapponese, bravo a rimanere aggrappato ai suoi turni di battuta e a strappare il servizio a Berrettini nel decimo gioco (unico momento d’indecisione della sua partita). Il romano però, accantonato questo passaggio a vuoto, ha ripreso piuttosto bene il controllo delle operazioni. Prima ha arginato qualche tentativo di Daniel d’impensierirlo nuovamente e poi ha piazzato il break risolutivo nel quinto gioco. Per il tennista di origini americane, perso quel servizio, non c’è veramente stato più nulla da fare.

La grandissima impresa di Andreas Seppi

Immenso Andreas Seppi. Il 37enne di Caldaro ha messo a segno la vittoria più prestigiosa del suo ultimo anno e mezzo andando ad estromettere dal Roland Garros il giovane canadese Felix Auger Aliassime (numero 21 ATP). L’azzurro, al suo 63esimo Slam consecutivo (meglio di lui nella storia solo Feliciano Lopez e Federer), ha prevalso con lo score di 6-3 7-6 (8) 4-6 6-4 dopo 3h e 36 minuti di match. Ora per lui, al prossimo round, ci sarà uno tra il sudafricano Kevin Anderson ed il sudcoreano Kwon Soonwoo, un incontro che sta andando in scena sul Court 11.

L’italiano è stato letteralmente perfetto per due set e mezzo. Nel primo parziale ha annullato tutte e quattro le palle break concesse e ha piazzato le due zampate decisive nel quinto e nel nono gioco. Il secondo si è deciso al tie-break. Quest’ultimo è durato addirittura diciotto punti e ha visto succedere di tutto. Andreas ha rimontato uno svantaggio di 5-2 e se l’è aggiudicato al sesto set point utile (compresi i tre non sfruttati nel decimo game). Da segnalare che il giocatore canadese, sopra 6-5 al tie-break e con Seppi alla battuta, ha avuto anche lui una chance di chiudere la frazione. Il tennista di Caldaro, sopra 4-2 al terzo, ha qui avuto l’unico vero calo della sua grandissima partita. Auger Aliassime, infatti, ha piazzato un parziale di quattro giochi consecutivi ed è riuscito in tal modo a prolungare il match. Qui però l’altoatesino ha ripreso immediatamente a macinare gioco e ha strappato la battuta al suo avversario nel quinto gioco. Brividi nel finale, con Andreas che nel momento della chiusura ha dovuto cancellare con estrema freddezza due palle break consecutive.

Roland Garros: brutta battuta d’arresto per Salvatore Caruso

Continua il momento non particolarmente brillante di Salvatore Caruso, giunto ormai alla nona sconfitta al primo turno su dodici tornei disputati in questo 2021. Il siciliano si è dovuto arrendere anche oggi nel suo match d’esordio al Roland Garros. A prevalere infatti, dopo 3h e 32 minuti di lotta, è stato l’australiano James Duckworth (numero 101 ATP), alla sua seconda apparizione sulla terra battuta in questa stagione. Il tennista aussie si è imposto con il punteggio di 6-4 3-6 7-6 (4) 6-2. Al prossimo turno se la vedrà con il lituano Ricardas Berankis, che a sorpresa sul Court Simon Mathieu ha sconfitto la grande speranza del pubblico di casa Ugo Humbert.

Il siciliano ha perso un brutto primo set in cui non è riuscito a concretizzare alcuna delle sei palle break procuratisi. Salvatore poi, una volta portato a casa il secondo set, sembrava aver indirizzato dalla sua parte il match togliendo il servizio a Duckworth proprio nel momento in cui era in procinto di servire per il terzo set. Da qui in poi, tuttavia, è arrivato un tie-break giocato molto male e soprattutto un quarto set in cui ancora una volta l’australiano ha cancellato tutte le palle break concesse all’azzurro (ben cinque).

ENRICO RICCIULLI

Photo Credit: account Twitter ufficiale degli Internazionali BNL d’Italia, @InteBNLdItalia

Back to top button