Tennis

Roland Garros: uno splendido Fognini regola Fucsovics e va al terzo turno

Va avanti solamente uno dei due azzurri impegnati nel Day 4 del Roland Garros. Si tratta di Fabio Fognini, che grazie alla bellissima vittoria messa a segno contro l’ungherese Fucsovics si è guadagnato un terzo turno contro l’argentino Federico Delbonis. Sconfitta con tanti rimpianti, invece, per Martina Trevisan, che nel set decisivo è stata per due volte avanti di un break contro la rumena Cirstea.

Roland Garros: avanza un Fabio Fognini da applausi

Continua a vincere e convincere Fabio Fognini in questo Roland Garros 2021. Il tennista ligure, dopo la buona vittoria all’esordio contro il francese Barrere, ha alzato notevolmente l’asticella andando a battere sempre in tre set un giocatore sempre molto pericoloso come Marton Fucsovics. L’azzurro ha giocato un tennis di altissimo livello per tutta la durata dell’incontro, portato a casa per 7-6 (6) 6-1 6-2 dopo quasi due ore e mezza di partita. Per lui sarà la nona volta al terzo turno dello Slam parigino. Adesso per il nativo di Arma di Taggia, al prossimo ostacolo, ci sarà l’argentino Federico Delbonis, che ha battuto in rimonta (in cinque set) lo spagnolo Pablo Andujar. I due l’ultima volta si sono incontrati proprio nella Capitale francese. In quell’occasione si disputava però un secondo turno e a prevalere in quattro set fu proprio il giocatore italiano.

Fognini – Fucsovics: la partita

Fognini si aggiudica un primo set equilibratissimo, durato addirittura 1h e 6 minuti. Il ligure strappa il servizio al suo avversario già nel primo game ma l’ungherese fa lo stesso in quello successivo. Da qui inizia un parziale sempre in rincorsa per Fabio, bravissimo a recuperare, tra le altre cose, uno svantaggio di 4-2. La conseguenza, a questo punto, è il tie-break. Qui l’azzurro spreca un vantaggio di 3-0 ma alla fine lo conquista per 8 punti a 6 al secondo set point disponibile. Dando un’occhiata ai dati della prima frazione, spicca soprattutto la concretezza di Fognini sulle palle break convertite (2/3) nonchè una notevole percentuale di punti vinti in prossimità della rete (71%).

Il secondo set è un dominio dell’italiano, che leva la battuta al giocatore magiaro nel secondo e nel quarto gioco. Il momento decisivo è però il terzo game. Qui Fognini cancella brillantemente quattro palle break (le uniche concesse nel parziale), respingendo in tal modo qualsiasi tentativo dell’avversario di rimanere attaccato nel punteggio. La frazione termina 6-1 in favore di Fabio, ad un solo set ormai dal terzo turno. L’onda d’urto dell’azzurro non si placa neppure nel terzo set. I break messi a segno dal ligure sono ancora una volta due, quelli nel primo e nel quinto game. Fucsovics sembra tremendamente in difficoltà a far vacillare il muro eretto da fondocampo da Fabio, apparso in buonissime condizioni fisiche dopo un primo set estremamente dispendioso. Finisce con il definitivo 6-2 un incontro disputato da Fognini in maniera superlativa. Per lui adesso ci sarà un terzo turno tutto da giocare, il nono della sua carriera a Parigi.

Roland Garros: amara sconfitta per Martina Trevisan

Termina con tanti rimpianti il Roland Garros di Martina Trevisan, sconfitta da Sorana Cirstea con lo score di 6-4 3-6 6-4 dopo 2h e 38 minuti di gioco. Sarà proprio la giocatrice rumena ad affrontare al terzo turno la russa Daria Kasatkina, che sempre in mattinata ha sconfitto in due facili set la svizzera Belinda Bencic. Finisce dunque il sogno della tennista azzurra di poter replicare quei meravigliosi quarti di finale raggiunti lo scorso ottobre. L’italiana, proprio in virtù di questo risultato non confermato, purtroppo da lunedì uscirà dalle prime cento giocatrici del mondo (al momento occupa virtualmente la posizione numero 101).

C’è grande rammarico, tuttavia, per la giocatrice toscana. Martina infatti, dopo aver rimesso le cose a posto grazie alla conquista del secondo set, si è trovata per ben due volte avanti di un break nel parziale decisivo. In entrambi i casi, però, la sua avversaria ha immediatamente restituito il favore, per poi piazzare la zampata decisiva nel nono gioco, un game interminabile durato più di sei minuti. L’azzurra ha avuto anche due palle break consecutive nel decimo gioco, entrambe cancellate con gran coraggio dalla rumena. Quest’ultima riesce a chiudere la contesa al terzo match point a disposizione.

ENRICO RICCIULLI

Photo Credit: account Twitter ufficiale degli Internazionali BNL d’Italia, @InteBNLdItalia

Back to top button