Roma, per salire sui bus Atac ipotesi ‘containgressi’

Ipotesi di personale “containgressia Roma sui mezzi pubblici Atac e segnaletica a terra sia alle fermate che su bus e vagoni della metro per indicare la distanza da mantenere. 

Il trasporto pubblico durante la ‘Fase 2’

In previsione della “Fase 2” dell’emergenza Covid-19 con la progressiva riapertura delle attività a Roma, è emerso ieri, durante una riunione in Campidoglio sul trasporto pubblico Atac, l’idea del ‘containgressi’, una figura simile al vecchio “bigliettaio”.

La priorità da affrontare in questo periodo è quella di contingentare le presenze sui mezzi pubblici per mantenere la distanza tra un passeggero e l’altro. Infatti, si ipotizza, che su metro e bus i contatti saranno limitati pensando di continuare con la vecchia linea, ovvero far salire dalla porta anteriore.

Durante la riunione, si è pensato soprattutto alle linee a più alta affluenza, quelle centrali e quelle periferiche importanti: ecco l’ipotesi di personale “containgressi”: ovvero dipendenti Atac deputati a contare gli ingressi e le uscite dei passeggeri all’interno degli autobus. 

Il piano prevede anche l’uso di una segnaletica ad hoc: a terra, sulle banchine, dentro i mezzi di superficie che sui vagoni della metro. In tal modo si vuole aiutare i passeggeri a mantenere la giusta distanza gli uni dagli altri.

Per ora non sarebbe stata presa in considerazione l’ipotesi di obbligo mascherine e guanti: si vuole aspettare forse le indicazioni in questo senso a livello governativo.

Continuate a seguirci

Se volete rimanere aggiornati su attualità e cronaca, vi consigliamo di continuare a seguirci leggendo le nostre notizie sulle pagine social di Metropolitan Magazine Italia:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo precedenteScudetto alla Juventus: Casini presenta un’interrogazione parlamentare
Articolo successivoBob Pettit, il ragazzo di Baton Rouge che fermò Bill Russel