Ryan Leaf, ex quarterback ed attuale analista sportivo di ESPN, è stato arrestato venerdì con l’accusa di violenza domestica.

A riportare la notizia è stata proprio l’ESPN.
Secondo quanto dichiarato anche dell’Associated Press, Ryan Leaf è stato prelevato intorno alle ore 14:00 di venerdì a Palm Desert (California) per poi essere trasportato alla Larry D. Smith Correctional Facility, nella contea di Riverside.

Lo stesso giorno del suo arresto è stato poi scarcerato su cauzione di 5.000$ ed ora lo attende il processo, che si terrà il prossimo 25 settembre.

Leaf, durante la sua carriera universitaria, ha militato al fianco degli Washington State Cougars, riuscendo a guidare il team al Rose Bowl nel 1997. Proprio quell’anno si classificò terzo tra i contendenti per l’Heisman Trophy.

Durante il draft 1998 venne scelto dai San Diego Chargers (seconda scelta assoluta).
La sua carriera tra i professionisti, però, non è andata come ci si aspettava.

Ryan Leaf ha dovuto fare i conti con la tossicodipendenza e con diversi problemi giudiziari. Ha trascorso, infatti, due anni in prigione dopo essere stato arrestato nel 2012, in seguito ad un furto di farmaci ed alla violazione della libertà vigilata.

Dopo la scarcerazione ha intrapreso il percorso di analista sportivo, arrivando a collaborare stabilmente anche con l’ESPN.

Ami il football e vorresti iniziare a scrivere degli articoli? Il nostro team è in costante ricerca di appassionati che hanno voglia di mettersi in gioco. Contattaci subito sulla nostra pagina Facebook ed entra a far parte del team di Metropolitan!

Leggi anche: NFL, mascherine anche per i giocatori in campo

Foto in copertina: AP

© RIPRODUZIONE RISERVATA