Cronaca

Sapienza: scontri e manganellate sugli studenti

Capezzone e Fratelli d’Italia alla Sapienza: scontri in cortile, polizia in facoltà e manganellate agli studenti

Oggi rimarrà chiusa la facoltà di Scienze Politiche all’Università di Roma La Sapienza. Gli scontri, tra studenti e polizia, sono avvenuti a seguito di una conferenza nella Facoltà, dove erano attesi Capezzone e Roscani (FdI) per una conferenza sul “capitalismo buono”. La protesta studentesca è subito degenerata con l’arrivo della polizia contro gli studenti dei collettivi.

In questo momento, proprio di fronte all’ingresso del dipartimento, si trovano studenti in protesta. I collettivi di facoltà e semplici studenti venuti solo per far lezione stanno vivendo quello che è il primo scontro tra forze di polizia e studenti all’interno della facoltà da anni. Un avvenimento del genere è quasi del tutto inedito. Sul posto sono arrivati anche alcuni agenti della polizia che stanno facendo scudo contro ragazzi e ragazze, armati di manganelli.

Scontri alla Sapienza: cosa sta succedendo e cosa dichiarano gli studenti

Sono stati fermati due i ragazzi: uno di loro era ferito, perdeva sangue dalla testa.

Gli studenti sono qui per contestare una conferenza organizzata da Azione Universitaria, a cui sono stati invitati Daniele Capezzone e soprattutto Fabio Roscani, deputato di Fratelli d’Italia. Le parole che emergono dal corteo.

Siamo qui per dire che l’università non è la passerella dei partiti: sebbene sia al governo, sappiamo bene che Fratelli d’Italia porta ideologie fasciste Hanno rinominato i ministeri. Hanno creato il Ministero dell’Istruzione e del Merito, quando noi sappiamo molto bene che il merito è un’invenzione di un sistema che punta a far sentire in colpa noi se non riusciamo a laurearci, come se fosse colpa nostra. È il sistema universitario, invece,  inadeguato e va rinnovato. Serve a far sentire in colpa chi non riesce a laurearsi in tempo, perché magari lavora e non ha una famiglia alle spalle che riesce a pagare i suoi studi e la sua vita. Chi riesce ci riesce, invece, viene esaltato. Fratelli d’Italia odia le donne, le soggettività libere, i migranti. E odia i poveri. È razzista ed è fascista. Azione Universitaria può pensare di pulirsi la faccia da tutto questo, ma noi sappiamo chi sono veramente. E non li faremo passare”, “

Per poi concludere, proseguendo nel corteo che avrebbe dovuto concludersi al rettoratoCorteo partecipato, di almeno un paio di centinaia di persone. Gli studenti tengono fra le mani uno striscione:

“Fuori i fascisti dalla Sapienza. Antifascismo è anticapitalismo”.

Articolo di Maria Paola Pizzonia

Seguiteci su:
Facebook
Instagram
Twitter

Maria Paola Pizzonia

Studentessa di Sociologia Politica alla Sapienza di Roma e Fumettista per la Scuola Romana del Fumetto. Ha conseguito l'attestato di Scrittura alla Scuola di Narrativa e Saggistica Omero di Roma. Ha partecipato fino al 2016 agli Studi Pirandelliani di Agrigento. Ha lavorato con Live Social by Radio Capital. Assistente di redazione per Pagine Edizioni. Scrive anche per Chiasmo Magazine, Mangiatori di Cervello, Octonet. Redattrice di Metrò per Cinema, Attualità&Politica, Infonerd. Ha lavorato al progetto BRAVE GIRLS di cui si occupa attualmente.
Back to top button