Calcio

Sassuolo, chiamateli “immortali”: i ragazzi di De Zerbi non si arrendono mai

L’abbraccio tra i giocatori del Sassuolo (Getty Images)

Gli appassionati di calcio e di Fantacalcio, quando gioca il Sassuolo di De Zerbi, non si annoiano di certo. Ogni gara dei neroverdi è un misto di emozioni diverse, tra la rabbia per i tanti (forse troppi) gol subiti, alle gioie per le rimonte incredibili. Se in campo c’è il Sassuolo lo spettacolo è assicurato, la partita non è mai finita finché non arriva il triplice fischio.

3-3 il risultato contro il Torino di Marco Giampaolo, dopo che per la seconda volta consecutiva il risultato vedeva la squadra sotto di due reti. Ma se a Bologna c’è stata un’abbondante mezz’ora che ha permesso di ribaltare il risultato, l’1-3 del Toro firmato Lukic è arrivato a dieci minuti dal novantesimo. In genere si parla di partita messa in archivio, ma non se ti chiami Sassuolo: missile di Chiriches dai 30 metri che sorprende Sirigu e finisce all’incrocio dei pali per rientrare in partita, incornata del solito Caputo (5 gol in 5 partite) che vale il 3-3. Rimonta completata, ancora una volta.

De Zerbi, il comandante che non si arrende mai.

Sul rettangolo verde ci vanno i giocatori, questo è ovvio. Ma in panchina c’è il dodicesimo uomo in campo, la vera anima di questa meravigliosa squadra: mister Roberto De Zerbi. La sua voglia, la sua grinta, si può riassumere in occasione del gol del 3-3: attesa infinita, c’è il VAR che ancora non convalida il gol di Caputo. Check, consulto e infine la decisione. Gol valido, il minuto è l’86. De Zerbi urla, da la carica ai suoi ragazzi: vuole vincerla, anche questa. Ancora in rimonta. In palio c’è la vetta provvisoria della classifica. Il risultato rimane invariato, si va a casa con un punto, ma con una certezza: se questa squadra non si arrende mai, se fino all’ultimo minuto il risultato rimane in bilico, è perché in panchina a urlare e trasmettere grinta a suoi c’è mister De Zerbi. Se ci fosse qualcuno che nutre ancora dubbi sul fatto che sia l’allenatore del futuro, gli sarà molto utile rivedersi le partite del Sassuolo.

Seguici su Metropolitan Magazine

Adv

Related Articles

Back to top button