Aprilia sta già mettendo in atto il piano B per i test di Sepang. Chi sarà il sostituto di Iannone? Ecco i nomi che la casa di Noale ha già in mente.

Savadori – Dopo la sospensione del pilota ufficiale Iannone da parte della FIM, l’Aprilia sta già valutando gli eventuali piloti che potrebbero salire sull’ambita sella della RS-GP 2020. Le voci che si sono susseguite nel box dopo il verdetto della FIM sono molte; inizialmente si era parlato di Karel Abraham, ora invece si sono aggiunte altre due più probabili opzioni. Su chi ricadrà la scelta dei vertici Aprilia: sul più esperto Max Biaggi, sul più giovane Lorenzo Savadori o sul già collaudato Karel Abraham? La parola a Fausto Gresini.

Savadori
Andrea Iannone in sella alla RS-GP 2020 – Photo Credit: Aprilia Official Site

Savadori – Le parole di Fausto Gresini

Sono stati molti i piloti che si sono proposti di guidare la nuova Aprilia 2020 per i test di Sepang. Fausto Gresini, Team Manager della casa di Noale, ha però già in mente il sostituto ideale:

“Sarebbe molto bello vedere Max sull’Aprilia ma sarebbe per lui un impegno molto faticoso. La sua velocità e la sua competenza sono fuori discussione, ma un conto è girare in pista per divertirsi, come sta facendo, un altro è affrontare un test così importante su una moto nuova. Secondo me l’opzione migliore è Lorenzo Savadori. È un pilota giovane e ha voglia di fare bene e mettersi in gioco, inoltre ha esperienza in SBK e conosce tutti gli uomini del team, quindi il suo inserimento sarebbe più facile per tutti. Non vedo altre possibili opzioni non ne vedo. Ho sentito favoleggiare di Jorge Lorenzo. Magari! Però non penso proprio che accadrà“.

Savadori
Fausto Gresini assieme a Romano Albesiano nel box Aprilia – Photo Credit: Fausto Gresini Official Facebook Page

Savadori – Dall’esordio sino ad oggi

Dalla Red Bull Rookies Cup all’esordio in 125

Classe 1993, Lorenzo Savadori è nel settore professionistico dal 2007, dove si fece notare in occasione della Red Bull Rookies Cup in cui concluse in seconda posizione. Sin dall’inizio si è distinto dagli altri piloti per la sua fame di vittoria. Nel 2008 infatti fu Campione Italiano e vinse il Campionato Europeo Velocità 125 GP. Nello stesso anno debuttò persino al Mugello come wild card nel Motomondiale 125. Visti gli ottimi risultati raggiunti in due anni, decise di proseguire la sua esperienza nella classe minore della MotoGP (ora Moto3) per ben due anni, affiancandosi all’Aprilia. Purtroppo però i risultati non rispecchiarono le aspettative e a fine campionato 2010 il giovane Rookie si allontanò dal Motomondiale.

Savadori
Lorenzo Savadori durante la Red Bull Rookies Cup nel 2007 – Photo Credit: Red Bull Rookies Cup Official Site

La Superstock 1000 e la conquista del mondiale

L’anno seguente si spostò di categoria, passando alla Superstock 1000 dove rimase fino al 2015. Corse prima con la Kawasaki del team Lorenzini, poi con la Ducati Panigale del team Barni Racing, nel 2014 tornò con la già collaudata ZX-10R del team di Pedercini ed infine salì in sella alla RSV4-RF del gruppo Nuova M2 Racing. Fu proprio grazie all’Aprilia che vinse il campionato mondiale con ben 156 punti.

Le prime esperienze in Superbike

Il campionato del 2015 gli spalancò le porte della tanto sognata SBK. Il “Sava” esordì in sella alla RSV4 del team IodaRacing dove però, dopo una stagione di alti e bassi, non riuscì a concludere oltre il 10° posto in classifica. Il 2017 fu l’anno della novità, la Milwaukee team, passata dalla BMW all’Aprilia, diede modo a Savadori di dimostrare a tutti il suo talento, i numerosi errori commessi in campionato penalizzarono la sua performance generale. Gli scivoloni lo accompagnarono anche nel campionato 2018 facendolo terminare con un altro nulla di fatto.

Savadori
Lorenzo Savadori in sella all’Aprilia RS-V4 del team Milwaukee – Photo Credit: Lorenzo Savadori Official Facebook Page

Il “Sava” in MotoE

Nel 2019 si apre un nuovo capitolo per l’italiano. Inizia per lui una nuova esperienza con un altro tipo di veicolo, mosso questa volta dall’ausilio di un motore elettrico; è la volta della MotoE. In sella alla silenziosa Energetica EGO Corsa del team Gresini Racing chiude la stagione in 16° posizione con 24 punti ottenuti.

Savadori
Lorenzo Savadori in sella alla Energetica EGO Corsa del team Gresini Racing – Lorenzo Savadori Official Facebook Page

Di certo quello che non manca al “Sava” è la polivalenza, peccato però che sia un po sfortunato. Che sia l’occasione buona per vederlo primeggiare nuovamente?

SEGUICI SU :

© RIPRODUZIONE RISERVATA