Formula 1

Sergio Perez in Arabia Saudita: “Degli shot di tequila ed è subito pole!”

Non poche le sorprese a Jeddah, con clamorosi eventi inaspettati e capovolgimenti di situazione sensazionali. Un GP con un Sergio Perez da record, trionfante in Aarabia Saudita con la sua prima pole in carriera. Così, tra l’impensabile eliminazione di Lewis Hamilton nelle Q1 e il terribile incidente di Mick Schumacher, non può comunque passare in secondo piano il grande traguardo raggiunto dal pilota messsicano. Una significativa svolta per il fedele alleato del campione uscente Max Verstappen, superato con un distacco di ben 261 millesimi. Ora sempre più integrato nel team Red Bull, Perez che, con la prima posizione registrata al termine delle qualifiche, lascia promettere decisamente bene per la scuderia anglo-austriaca. Un risultato sorprendente, scherza Perez: “Un paio di shot di tequila e mi hanno messo in pole!”.

Un grande Sergio Perez in Arabia Saudita, con la prima pole in carriera. Riuscirà a conquistare la vittoria per la Red Bull?

Un GP dai colpi di scena dietro l’angolo, fin dalle stesse qualifiche quello dell’Arabia Saudita. Certamente da ricordare la prima pole in carriera per Sergio Perez, ottenuta dopo ben 217 weekend di gare in F1. Fissa così un record il messicano, come pilota con più gran premi a precedere il primo posto alle qualifiche. Una grande soddisfazione per il pilota della Red Bull, pronto a stupire anche a 32 anni, sorpassando anche un grande maestro della velocità come il suo compagno Verstappen, con un distacco di ben 261 millesimi.

Un orgoglio certo non di poco conto per Perez, ora determinato a conquistare la prima vittoria per la scuderia anglo-austriaca, cercando di non farsi sorpassare dalle due Ferrari all’assalto dietro di lui.

Prima di tutto devo dire ‘ben fatto’ a tutto il team. In Bahrain abbiamo avuto un difficile fine settimana, in cui abbiamo perso entrambe le macchine – ha dichiarato Sergio Perez, come riportato su Formula Passion.it., spiegando come la Red Bull abbia preferito concentrarsi più sul passo gara che sulle qualifiche – Ma la squadra ha abbassato la testa e ha continuato a spingere. Non ci sentivamo così forti in qualifica rispetto alla gara, dunque essere in pole è un ottimo segnale”.

Un GP entusiasmante per il pilota messicano, ma riuscirà a non farsi superare dalle Ferrari? Intanto scherza: “Un paio di shot di tequila e mi hanno messo in pole!”

Una gara in Arabia Saudita che si prospetta decisamente entusiasmante, una corsa contro il tempo per Perez. Sarà in grado di mantenersi avanti alle due Ferrari?

“Non sono state qualifiche semplici per via del lungo stop generato dalla bandiera rossa – ha poi spiegato Perez – Non è semplice mantenere la concentrazione con un’ora di stop. Ma sono consapevole che avrei potuto fare altri mille giri, senza riuscire a migliorare quello che mi ha garantito la pole. Ma se fai la pole a Gedda, la puoi fare ovunque perché parliamo della pista più complicata dove fare la pole, che richiede un livello di precisione tremendo. La pista credo sia la più pericolosa nel calendario. In generale ci siamo focalizzati più sul passo gara rispetto alla qualifica. Mi aspetto che le due Ferrari torneranno ad essere molto forti, ma spero in una nostra ottima gara”.

Non è mancata poi l’occasione di scherzare al termine delle qualifiche anche con Carlos Sainz. Così, alla domanda dell’intervistatore su cosa avesse fatto durante l’ora di sospensione, periodo in cui i due piloti Ferrari sono rimasti in macchina, il messicano non ha esitato a rispondere:

“Sono uscito e… un paio di shot di tequila e mi hanno messo in pole!”, ha detto Perez, dopo essere stato con tono scherzoso incalzato da Sainz.

Seguici su Metropolitan Magazine.

Liliana Longoni

(credit-foto-Sergio Perez in tenuta Red Bull – RedBullRacingOfficialTwitterAccount)

Back to top button