Serie A: Goleada al Mapei Stadium, clamoroso Napoli, Atalanta così non va

Una terza giornata ricca di emozioni e di gol, avviatasi con il rocambolesco 2-1 di San Siro, nel match tra il Milan di Gattuso e la Roma di Di Francesco, passando per la vittoria della Juve contro un Parma agguerrito, condita dal grande ritorno di Gervinho in Serie A.

ATALANTA – CAGLIARI

Gasperini e Gomez alla ricerca del riscatto (foto dal web)

Dopo l’emozionante 3-3 contro la Roma e la sfortunata eliminazione dall’Europa League ai calci di rigore, i bergamaschi devono dare credito a quanto fatto vedere fino ad ora e dimostrare il loro valore contro un Cagliari dalla difesa ballerina (4 i gol subiti nelle prime due giornate) e ferma a un punto. Primo tempo non dei migliori, però, per la squadra allenata da Gasperini, sotto per 1-0 (gol di Barella al 45′) e in balia degli attacchi avversari. Nel secondo tempo entrano Gomez e Barrow ma il risultato non cambia, finisce il match sul risultato di 1-0 in favore di un Cagliari che porta a casa 3 punti preziosi.

TORINO – SPAL

Belotti guida l’attacco granata (foto dal web)

Il pareggio per 2-2 contro l’Inter, in rimonta, deve essere la base da cui ripartire per i padroni di casa, convinti sempre più che la loro stella Belotti possa fare la differenza, in una partita non facile contro una SPAL a punteggio pieno, in una Serie A già da ora più che interessante. Auspicio non rispecchiato, purtroppo, dai primi 45 minuti di gioco, in cui i padroni di casa hanno dovuto affrontare una lunga interruzione del gioco per il mal tempo abbattutosi a Torino. Il secondo tempo inizia sempre sotto l’insidia della pioggia ma N’Koulou al 52′ su assist di Soriano firma il vantaggio Granata. Risultato chiuso sull’1-0. 

SAMPDORIA – NAPOLI

Fabio Quagliarella in esultanza (photo credits: Quotidiano.net)

In quel di Genova la Sampdoria di Ferrero ospita il Napoli delle rimonte, in una partita insidiosa ma tutta da vedere. Anche quest’oggi il club di De Laurentis non si smentisce e conclude il primo tempo nel peggiore dei modi, ossia sotto i colpi di un ritrovato Defrel (autore di una grande doppietta) e con un parziale 2-0 difficile da recuperare. Il secondo tempo vede un Napoli sempre più alla ricerca del gol ma la Samp non si fa trovare impreparata e un capolavoro dell’ex Quagliarella regala il 3-0 ai padroni di casa, gonfiando la rete al 75′ nel migliore dei modi, regalando così il punteggio pieno alla propria rosa.

SASSUOLO – GENOA

Un Berardi ritrovato e pronto a riprendersi il Sassuolo (foto dal web)

Al Mapei Stadium viene ospitato un Genoa alla sua seconda partita stagionale dopo il rinvio della prima per la tragedia che ha piegato l’intera città. Alte le aspettative ma il club emiliano è in forma e si vede. Dopo appena un tempo di gara il risultato è già fisso sul 4-1 in favore dei padroni di casa, i quali dopo aver male interpretato i primi minuti di gioco (0-1 momentaneo firmato Piatek al 27′) hanno preso le redini del gioco e ribaltato il tutto con 4 gol in appena 12 minuti (Boateng 34′, Lirola 38′, Babacar 41′, Spolli autogol 46′). Secondo tempo iniziato sulla falsariga del primo, con il 5-1 firmato Ferrari (62′) a cui ha risposto Pandev 8 minuti dopo per il momentaneo 5-2 e successivamente Piatek (83′) per il definitivo 5-3.

CHIEVO – EMPOLI

Serie A Giaccherini Chievo mmi
Giaccherini autore del momentaneo 2-1 contro la Juventus (Calciomercato.com)

Ancora fermo a zero punti, il Chievo non può che provare a ripartire dal tifo della propria gente e dal tandem Giaccherini – Stepinski sempre più al centro del gioco di D’Anna, la cui panchina inizia a traballare. Primo tempo però privo di emozioni con appena due tiri in porta dei padroni di casa, privi di un gioco, e con il risultato stabile sullo 0-0. Stesso copione anche nei restanti 45 minuti di gioco, durante una partita poco emozionante.

LAZIO – FROSINONE

 

Luis Alberto, e quella 10 non più così pesante Photo Credits: alfredopedulla.com

Allo Stadio Olimpico fa il suo ritorno il Frosinone, ospitato dalla Lazio di Inzaghi e dei suoi fedeli Savic e Immobile, chiamati a disputare una grande stagione di Serie A. Il Frosinone non si fa trovare sguarnito e riesce a difendere bene per i primi 45′ di gioco, impedendo ai bianco celesti di affondare. Il secondo tempo però inizia nel migliore dei modi per la Lazio, che dopo appena 4 minuti passa in vantaggio grazie al gol del suo numero 10, Luis Alberto. Match conclusosi con il risultato di 1-0 dopo una partita a senso unico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA