CalcioSport

Serie A preview – Come si presentano Juve-Napoli e Lazio-Roma

Statistiche e probabili formazioni del secondo turno di campionato

La Serie A si affaccia alla seconda giornata con match già incandescenti che certamente non saranno determinanti fin da ora, ma che renderanno ancora più caldo questo ultimo weekend estivo.

Qui Allianz Stadium…

La Juventus alla sua prima gara in questa Serie A (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Fiore all’occhiello sono gli incroci tra Juventus e Napoli e il derby capitolino. L’attesa di vedere Maurizio Sarri affrontare il suo mai rinnegato, almeno a parole, passato partenopeo era fortissima; ma il destino ha voluto che non accadesse in questa circostanza: il tecnico non sarà presente al primo scontro diretto della stagione. Un motivo in più per la compagine di Ancelotti per approfittare di una Juve ancora i rodaggio, rispetto ai già oleati meccanismi azzurri.

Un classico della Serie A che ha visto il Napoli trionfare sugli acerrimi nemici di Torino solo tre volte negli ultimi cinque anni. Parlando di meccanismi, invece, Ancelotti potrà contare sulla formazione titolare che ha battuto la Fiorentina sabato scorso; unici dubbi rappresentati dai consueti ballottaggi sulle fasce (Maksimovic/Di Lorenzo e Ghoulam/Mario Rui) e dalla suggestione Elmas in cabina di regia ad affiancare Allan. Lo stesso discorso vale per la Juventus, dove Matuidi e Higuain si giocano una maglia rispettivamente con Rabiot e Dybala.

La vigilia sul Tevere

Foto LaPresse

Pochi dubbi di formazione anche qui: Parolo è in vantaggio su Leiva, mentre Zappacosta lo è su Kluivert con Florenzi che si alzerebbe. Semmai la novità sarebbe rappresentata dalla tranquillità dell’ambiente, ma stiamo parlando di utopia. Il match più atteso dell’anno, a Roma, arriva nel momento peggiore per i giallorossi psicologicamente e calcisticamente sottoterra rispetto ai rivali biancocelesti. Perdere punti ora, per la Roma, significherebbe rischiare grosso in termini di classifica e di reputazione.

Non aiutano nemmeno le statistiche: da tre stagioni a questa parte, il gap tra giallorossi e biancocelesti si è ridotto così tanto da vedere la stracittadina contesa in perfetta parità. Due vittorie consecutive di una delle due (in questo caso parliamo di Roma) non avvengono dal 2016.

E’ la dimostrazione che cambiare tanto forse non sempre è necessario – e la Lazio di Inzaghi ne è l’esempio lampante – ma questo ce lo potrà solo dire l’Olimpico, questa domenica.

Rotolando verso sud

Serie A preview - Come si presentano Juve-Napoli e Lazio-Roma
Foto Getty Images

Meno di cartello, ma altrettanto importante è lo scontro diretto tra Lecce e Verona. Due squadre che, nonostante un solo punto di differenza e un avvio non proprio felicissimo, hanno dimostrato di avere tutte le carte in regola per giocarsi la salvezza a viso aperto e con idee di gioco interessanti,il cui merito va dato a Liverani e Juric.

Lecce e Verona, che non si incontrano in Serie A dal 2002 (quello di domenica sarà il loro settimo incontro nella massima serie), si presentano con poche novità di mercato rispetto alla prima giornata. Farà siuramente la differenza la presenza di Mancosu sulla trequarti, mentre gli scaligeri potranno fare affidamento sull’esperienza in mediana di Veloso e Amrabat; aspettando il rinforzo sulla corsia destra (che dovrebbe essere rapprensentato da Romulo) e la punta di diamante (che dovrebbe rispondere al nome di Stepinski).

La situazione sugli altri campi

Serie A preview - Come si presentano Juve-Napoli e Lazio-Roma
Foto: Paolo Bruno/Getty Images

Genoa e Fiorentina hanno divertito e vogliono far divertire, soprattutto dopo aver dimostrato tanto durante la prima giornata: è il segno di come queste squadre, dopo un ottimo mercato, vorranno prepotentemente dire la loro. Si vedranno tanti incroci col passato: l’Inter vorrà riconfermarsi davanti a Nainggolan e viceversa; Di Francesco dovrà necessariamente battere il suo Sassuolo e il sogno di mercato Berardi; Di Francesco jr, in un grande stato di forma, ritrova il Bologna mentre le nuove big Atalanta e Torino – e come altro vuoi definirle? – si incroceranno in un faccia a faccia da fuochi pirotecnici. Milan-Brescia avrà già il sapore di sentenza con quel pizzico di nostalgia legato all’addio di Baggio; chiuderà la giornata, invece, Udinese-Parma: riuscirà Tudor a confermare questo intrigante inizio?

Molto altro sulle formazioni e sui consigli per il fantacalcio, lo trovate sempre sulle nostre pagine: https://metropolitanmagazine.it/fantacalcio-consigli-serie-a-juventus-napoli-lazio-roma-piatek-immobile-dzeko/

Back to top button