Calcio

Serie A: Ronaldo si prende la Juve. Pari tra Udinese e Torino. Genoa nel segno di Piatek. Crolla il Bologna

Tre le partite valide per la quarta giornata di Serie A previste per le 15. La Juventus capolista ha affrontato il Sassuolo allo Stadium nel match clou del pomeriggio. Udinese e Torino si sono affrontate a viso aperto alla Dacia Arena di Udine. Mentre al Ferraris di Genova si sono affrontate Genoa e Bologna.

Juventus – Sassuolo

La Juventus capolista è scesa in campo con il consueto 4-3-3 schierato da Mister Allegri. Il sacrificato, tra gli attaccanti, questa volta è stato Douglas Costa, che si è accomodato in panchina per la prima parte del match. Nei primi 45 minuti i Bianconeri non sono riusciti a creare molte occasioni per portarsi in vantaggio. Solo una grande chance per i ragazzi di Allegri, anche se di fatto è stato il Sassuolo a crearla. Il miracolo di Consigli ha messo una pezza su un goffo intervento di Lirola. Ma il 4-3-3 di De Zerbi ha messo in difficoltà i campioni d’Italia, cercando di giocare il pallone da dietro e dimostrando la posizione e i punti conquistati finora dai Neroverdi in Serie A. Ci è voluto un altro grave errore difensivo del Sassuolo, nel secondo tempo, per vedere il vantaggio della Juventus. Il primo gol di Cristiano Ronaldo in Serie A è arrivato dopo un goffo colpo di testa di Ferrari che ha colpito il suo stesso palo, di fatto tagliando fuori il proprio portiere. In quel momento è arrivato il fenomeno portoghese che ha messo dentro il pallone da due passi. Pochi minuti dopo, al ventesimo del secondo tempo, Ronaldo non ha avuto bisogno di aiuti da parte della difesa di De Zerbi per mettere a segno il 2 a 0, battendo Consigli incrociando un sinistro rasotera, mettendo a tacere i malumori del portoghese che non trovava la via del gol in fino ad oggi in Serie A. Ma il Sassuolo non si è abbattuto ed ha continuato a giocare, nonostante abbia rischiato di incassare la terza rete. La spregiudicatezza di De Zerbi ha portato il Sassuolo a crederci fino al ’93, riaprendo il match nei minuti di recupero con Babacar, mentre Douglas Costa, entrato nel secondo tempo, si è fatto espellere per una brutta reazione ai danni di Di Francesco. 2 a 1 per la Juventus che resta in testa alla classifica a punteggio pieno.

Torino – Udinese

Le squadre di Mazzarri e Velazquez si sono affrontate a viso aperto fin dal primo minuto di gioco. Classico 3-5-2 per i Granata e 4-1-4-1 per il tecnico spagnolo. Il Torino durante il primo tempo, sullo 0 a 0, ha reclamato per un gol annullato per un fuorigioco inesistente. L’arbitro Valeri non ha potuto usufruire del VAR poiché il suo fischio è arrivato appena prima del colpo di testa di Berenguer che aveva scavalcato Scuffet. Alla mezz’ora si è invece sbloccato il match: brutta palla persa del Torino a centrocampo e De Paul, l’uomo più in palla dei friulani in questo periodo, ha battuto Sirigu con un destro leggermente deviato da fuori area. A inizio secondo tempo un gran tiro di Meite, già al secondo gol in Serie A e vero giocatore cardine dei Granata, ha risposto a De Paul, mettendo sotto l’incrocio la palla e portando il risultato sull’1 a 1. Entrambe le squadre salgono a 5 punti nella classifica di Serie A con questo pareggio.

Genoa – Bologna

l’attaccante del Genoa Piatek (Fonte dal Web)

Moduli quasi speculari quelli messi in campo da Ballardini e Filippo Inzaghi nel match del Ferraris, 3-5-2. Un Genoa decisamente sottotono nella prima frazione di gioco. Ritmo lento e poche occasioni da gol (solo un colpo di testa). Sono stati gli emiliani a provarci di più, senza però avere occasioni concrete, solo alcune potenziali. Almeno fino al minuto 68, quando il sorprendente Piatek ha battuto Skorupski con un bel destro a giro sul secondo palo, portando in vantaggio i liguri. Il giovane attaccante del Genoa ha messo a segno così il suo quarto gol in tre partite di Serie A. Un inizio di campionato scoppiettante per il polacco. Il Bologna, invece, non riesce a creare occasioni concrete, e la classifica piange ancora. Zero gol fatti in quattro partite e futuro incerto per i rossoblu. 6 punti in tre partite per il Genoa, che si gode il suo neo bomber.

Luca Matteuzzi

Back to top button