Serie C, il Grosseto vuole stupire ancora: Grifoni pronti per i playoff

Foto dell'autore

Di Redazione Metropolitan

La stagione regolare di Serie C è volta al termine ma i ritmi estenuanti e le bagarre mozzafiato non hanno smesso di prendere la scena. Se nell’imminente scontro playoff il Grosseto rappresenta l’insolita novella, è tuttavia obbligatorio concedere spazio di merito agli uomini di Magrini. Da neopromossa a contendente fastidiosa in virtù del nono posto che la vede accoppiarsi in gara secca col Lecco (6° classificata). Quest’oggi alle 15 il Rigamonti sarà il teatro dei 90′ più importanti della stagione unionista. Il grifone ha l’obbligo di crederci.

Dalla D all’ipotesi di B per il Grifone

Il calcio, come lo sport in linea generale, si avvale di atleti così come di tecnici del settore. La dicotomia corpo-mente nel calcio da anni viene messa in discussione in modo da estendere il terreno di gioco. Per questo dato motivo la favola de ‘il calcio è molto semplice‘ è sì veritiera quanto contestualizzabile ad un calcio meno inflazionato. L’Us Grosseto è la forma dichiarativa del connubio essenziale ma rivelatore del corpo-mente. Il corpo: i chilometri macinati da Raimo, le finte inebrianti dei Filippo (Moscati-Boccardi), le stoccate mai troppo banali di Elia Galligani. La mente: Lamberto Magrini e staff tecnico.

L’imprinting tattico di Magrini è mutevole, malleabile ma schematizzato ad uno stile di gioco ordinato e codificato nel 4-3-1-2. Nell’arco degli ultimi 365 giorni all’ombra del Carlo Zecchini si è esultato per un campionato di D vinto a mani basse, un piazzamento playoff in C e chissà cos’altro potrà riservarci.

Il Grosseto smuove i propri orizzonti

I cinquantaquattro punti raggiunti dal Grosseto al termine della stagione regolare del girone A sono indice della maturità acquisita nel corso del tempo. Il rush finale ha visto i grifoni perdere una sola gara nelle ultime otto, convincendo e vincendo le ultime tre uscite. Dunque avere l’opportunità di contendersi la promozione è tuttalpiù il coronamento di un progetto integro e repentino. Intervenuto in settimana il vicecapitano Gorelli ha sostenuto quanto la piazza grossetana abbia ‘tutto da guadagnare‘ sul campo di un Lecco che in casa non vince da quasi due mesi.

I due scontri di campionato sono entrambi culminati al 90esimo ed oltre: al matchwinner di Malgrati al 94′ ha risposto Simeoni al 92′ in sede di ritorno. Nulla è certezza e tutto è incognita. Magrini dal canto suo avrà a disposizione tutti gli effettivi fatta eccezione per Gorelli e Sersanti alle prese con problemi muscolari. Il grifone accoglie l’emotività del popolo grossetano nella speranza di poter regalargli un’altra giornata memorabile.

Alessandro Rossi.

https://www.facebook.com/usgrosseto1912official/photos_all