Serie D: ancora sei posti da assegnare per la “C”

In Serie D sono rimasti da giocare solamente 180 minuti, prima di assistere ai play-off ed ai play-out. Vediamo la situazione girone dopo girone.

Il campionato di Serie D si appresta a chiudere i battenti, ma negli ultimi 180 minuti, rimangono ben sei i posti da assegnare per la Serie C. Ricapitoliamo la situazione nei vari gironi.

Girone A – In sei cercano la salvezza diretta

Con il Lecco già promosso, e la Sanremese già certa dei play-off, gli occhi saranno puntati su cinque squadre: Savona (53), Ligorna (50), Inveruno (48), Folgore Caratese (48) e Casale (48). Tutte cercheranno di non mancare il treno che la Sanremese ha già prenotato.

Per la zona play-out e retrocessione, invece, le squadre coinvolte sono ben nove: Borgosesia (40), Fezzanese (40), Lavagnese (39), Sestri Levante (37), Milano City (37), Arconatese (36), Borgaro Nobis (26), Stresa (25), e Pro Dronero (23). Nel prossimo weekend, tuttavia, per qualcuna potrebbe arrivare il segnale di game over. Vedremo chi lascerà, senza appello, la Serie D.

Girone B – Per la “C” una tra Como e Mantova

E’ una delle sfide che infiammeranno sino alla fine questa edizione della Serie D. Parliamo, ovviamente, del testa a testa tra Como (83) e Mantova (81). Solo nelle prossime due gare sapremo chi staccherà il biglietto per la Serie C.

Se i play-off sono già decisi con Pro Sesto, Rezzato e Caronnese già qualificate, ben diversa è la situazione in zona play-out, dove occorrerà vedere cosa faranno il Pontisola (39), lo Scanzorosciate (33), il Legnago (32), ed il Darfo Boario (32).

L’Olginatese, infine, è ormai condannata a scendere di categoria, ma per conoscere il nome di chi gli farà compagnia senza passare per i play-out, bisognerà prestare attenzione a Villafranca (29), Ambrosiana (27), e Ciserano (23).

Esultanza Matias Claudio Cuffa (Photo credit: pagina FB Mantova Football Club)

Girone CTre vogliono salire, cinque la salvezza

Nel terzo girone della Serie D, la classifica vede in testa un trittico: Arzignano Valchiampo (66), Union Feltre (63) ed Adriese (62). Sarà davvero una bella lotta sino alla fine. Per i play-off, dunque, indecise solo le posizioni della Virtus Bolzano (48) e del Montebelluna (44).

Nelle posizioni di coda, detto del Trento che è destinato al campionato di Eccellenza, le posizioni buone per per la salvezza ed i play-out, riguarderanno: la Clodiense (37), il Cartigliano (37), il Sandonà (35), il Belluno (34), il Levico Terme (34), il St. George (33) ed il Tamai (32). I cinque punti che dividono queste squadre, lasciano intendere un finale di stagione caldissimo.

Girone D – Scontro decisivo tra Pergolettese e Modena

Anche nel quarto girone della Serie D, la questione promozione non si è risolta. La Pergolettese (70) ed il Modena (67), infatti, si incontreranno nel prossimo weekend, e sarà di certo lo scontro che chiarirà chi delle due ha le carte in regola per raggiungere la Serie C. Per i play-off, invece, l’incertezza riguarda il Fiorenzuola (50) ed il Crema (48).

A contendersi la salvezza diretta, intanto, ci saranno l’Axys Zola (35), il Calvina (35), il Mezzolara (32) ed il Pavia (31). Tra play-out e retrocessione diretta, per chiudere, i nomi da seguire sono quelli del San Marino (31), del Sasso Marconi (31) e del Classe (29), con quest’ultima formazione svantaggiata rispetto le altre due.

Esultanza Pergolettese (Photo credit: pagina FB US Pergolettese 1932)

Girone E La questione “C” e tra Pianese e Ponsacco

Partendo dalla corsa promozione, la Pianese (70) ed il Ponsacco (67), monopolizzano da alcune settimane la scena. Tra le due corrono solo tre punti, ed è dunque naturale ritenere questa sfida incertissima per i prossimi 180 minuti di campionato.

Per quello che riguarda invece i play-off, l’attenzione va sul Montevarchi (61), sul Gavorrano (60), e sul San Donato Tavarnelle (59), benché il Ghivizzano Borgoamozzano (58), non è sulla carta da escludere.

In cerca della salvezza diretta, ci sono invece il Bastia (44), l’Aglianese (44), il Real Forte Querceta (43), e lo Scandicci (39). Per evitare la retrocessione diretta, infine, dovranno spingere sul gas la Sinalunghese (33) ed il Sangimignano (32).

Girone FBattaglia fino alla fine tra Cesena e Matelica

Nel sesto raggruppamento della Serie D, al pari di altri gironi, ci sarà da seguire un testa a testa, che in questo caso riguarderà il blasonato Cesena (79), ed il Matelica (76).

Con ancora sei punti in palio, la corsa per i play-off vede coinvolte il Pineto (59), il Francavilla (56), la Sangiustese (55), e l’S.N. Notaresco (54). Il gruppo potrebbe sfoltirsi, tuttavia, completato il prossimo turno di campionato.

Passando alle squadre che provano a centrare la salvezza diretta, spazio a Vastese (42), Giulianova (40), Forlì (39), ed Avezzano (36). Per evitare la retrocessione ed afferrare la possibile ciambella di salvataggio chiamata play-out, ci sono Agnonese (35), Isernia (34) e Santarcangelo (33).

Olympia Agnonese – Pineto (Photo credit: pagina FB A.S.D. Pineto Calcio)

Girone GL’Avellino vuole crederci fino in fondo

Il girone sembrava ormai vinto dai sardi del Lanusei (79), ma l’Avellino (77) ha ben approfittato di un paio di passi falsi, e si è riportato pericolosamente vicino alla capolista. Vedremo chi lavorerà meglio sotto pressione.

Per quello che riguarda i play-off, invece, l’attenzione si sposta sul Cassino (63) e sul Monterosi (61). Entrambe sembrano avere le carte in regola per entrare in questo raggruppamento.

Bella sarà anche la battaglia per la salvezza diretta, e riguarderà il Budoni (39), l’Ostiamare (38), la Torres (35), il Ladispoli (36) ed il Città di Anagni (35). Per evitare la retrocessione diretta, in ultimo, la Lupa Roma (29), dovrebbe riuscire a vincere le ultime due sfide di campionato.

Girone H – Tre in corsa per i play-off

Nel penultimo girone della Serie D, l’AZ Picerno (78) si è già assicurato il passaggio alla categoria superiore, mentre rimane aperto il discorso play-off, che coinvolgerà tre formazioni: Bitonto (56), Andria (53) e Savoia (53). Ridotte saranno invece le chances per il Gravina (48).

Per la salvezza diretta, l’attenzione va riposta sul Gelbison Vallo della Lucania (37), il Nola (33) ed il Nardò (33). Se la prima facesse bene domenica, prendendosi i tre punti, il discorso salvezza diretta, si chiuderebbe con una giornata di anticipo. Già decise, per chiudere, le due retrocessioni in Eccellenza: Pomigliano (19) e Granata (13).

Nardò – Savoia (Photo credit: Ufficio stampa U.S. Savoia 1908)

Girone IDerby messinese per la salvezza diretta

Nell’ultimo girone della Serie D, vinto domenica scorso dal Bari, va definito il discorso play-off, che vede direttamente coinvolte: Marsala (50), Castrovillari (48), Portici (47), Troina (47) e Cittanovese (46).

La salvezza diretta, invece, è ancora possibile per il Messina (40), per la Sancataldese (36) ed il Città di Messina (34). E’ invece il Rotonda (28), che può insidiare in zona play-out il Roccella (32), ma ora le speranze sembrano essersi ridotte ad un lumicino.

(Photo credit in evidenza: pagina FB UC Sinalunghese)

© RIPRODUZIONE RISERVATA