Pallavolo

La Sir Safety Perugia chiede la riapertura al pubblico

In questa estate dove si sono rincorse ogni giorno le voci sulle possibili varianti da adottare per la ripresa dell’attività agonistica, in vista dei prossimi impegni di Supercoppa, spicca la richiesta della Sir Safety Perugia di aprire al pubblico, in modo da poter giocare al Palabarton con parte dei propri tifosi.

La Sir Safety Perugia e il pubblico

Si avvicinano anche le date di semifinali e finali della Supercoppa maschile 2020/21 e dopo le fasi finali di quella femminile, andate in scena lo scorso fine settimana, nel prossimo week end scenderanno in campo gli uomini, per quello che sarà il vero battesimo per la prossima stagione.

E proprio una delle sue semifinali in programma, quella della gara di andata tra la Sir Safety Perugia e la Leo Shoes Modena sta facendo discutere in questi giorni, non certo per la parte puramente tecnica, quanto per la richiesta avanzata dalla Sir Safety Perugia di aprire al pubblico le porte del Palabarton, pur rispettando, ovviamente, tutti i protocolli dettati dalla Federazione in materia di Covid.

logo Sir Safety Perugia
Photo Credit: Sir Safety Volley Perugia Official Website

La richiesta alla Regione

La società del patron Sirci ha mosso i suoi passi in tal senso, interpellando per le vie ufficiali, il presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, facendo leva “sull’articolo 1 punto 5 lett. e) del Dpcm del 7 agosto 2020 che consente ai presidenti delle Regioni o Province Autonome in casi eccezionali di poter autorizzare la disputa delle competizioni sportive con la presenza di pubblico oltre a 200 spettatori al chiuso.”

Naturalmente ogni palazzetto delle squadre che giocano in Superlega, è capace di contenere le 200 persone a cui si fa riferimento, ben distanziate tra loro e il Palabarton non fa eccezione, e attraverso le righe del quotidiano “Corriere dell’Umbria”, la società bianconera ha inoltre precisato “di aver istituito protocolli efficaci per prevedere tutte le azioni per il mantenimento del distanziamento come previsto, illustrando come le problematiche che potrebbero presentarsi all’interno di un palazzetto dello sport che ha la possibilità di assegnare posti numerati e distanziati, sono analoghe a quelle che si presentano all’interno di cinema e teatri che hanno già potuto godere della presenza di un numero contingentato di persone tramite regolamentazioni ad hoc.

pubblico Sir Safety Perugia
Photo CRedit: web

Insomma, in questa bollente estate, se ne sono sentite e ipotizzate davvero tante, ogni giorno, per vedere iniziare alla meglio la nuova stagione e non ultima, questa richiesta da parte della Sir Safety Perugia, che ora attende solamente il lasciapassare della Regione Umbria per poter riabbracciare, almeno solo in una ridottissima parte, i suoi tifosi: l’ipotesi c’è e speriamo davvero che a piccoli passi tutto possa tornare, nel più breve tempo possibile, ad una regolare normalità.

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook e sulla nostra pagina Twitter!

Back to top button